Tag: bilancio

Matteo Tonelli, “qualche riflessione sull’attuale situazione di stallo alla TeMa”

Matteo Tonelli, “qualche riflessione sull’attuale situazione di stallo alla TeMa”

Opinioni, Teatro Mancinelli, Top0
Riceviamo e volentieri pubblichiamo un commento di Matteo Tonelli sull'attuale situazione di pericoloso stallo della TeMa con il cda in regime di prorogatio che non convoca l'assemblea dei soci.   Faccio qualche riflessione personale sulla situazione dell’Associazione TeMa e sulla sua possibile evoluzione, non tanto sotto il profilo patrimoniale e finanziario che è noto e che recentemente è stato sviscerato anche in sede istituzionale con la presa d’atto della sua conclamata insostenibilità, ma piuttosto sulla attuale prolungata situazione di stallo che si è creata con le dimissioni dell’intero Consiglio di Amministrazione. Lo statuto della Associazione TeMa prevede che il Consiglio di Amministrazione sia nominato per la maggioranza dall’Assemblea dei Soci, la quale a sua volta
I numeri previsti per la prossima stagione teatrale, Cristina Calcagni e Roberta Mattioni spiegano perché i sono dimesse dal cda di TeMa

I numeri previsti per la prossima stagione teatrale, Cristina Calcagni e Roberta Mattioni spiegano perché i sono dimesse dal cda di TeMa

Economia, Focus1, Teatro Mancinelli
Riceviamo e volentieri pubblichiamo un comunicato da parte di Cristina Calcagni e Roberta Mattioni, dimissionarie dal cda della TeMa, che precisano alcune problematiche che gli stessi consiglieri hanno evidenziato.   “A precisazione e chiarimento di quanto in questi giorni viene riportato da più fonti, riteniamo opportuna questa breve nota riguardo l’Associazione TEMA e la Stagione Teatrale 2019/2020 del Teatro Mancinelli di Orvieto. La Stagione Teatrale, già impostata nel mese di aprile u.s., come da prassi è stata inviata al Comune di Orvieto, socio di maggioranza della TEMA, per la presa d’atto. Dopo un primo invio, vista la situazione finanziaria dell’Associazione, si è proceduto ad una revisione e ad uno snellimento della programmazione per permetterne la sostenibilità, a
Stagione teatrale in stand-by. Il sindaco, “Ora affrontiamo la situazione TeMa come non è stato mai fatto”

Stagione teatrale in stand-by. Il sindaco, “Ora affrontiamo la situazione TeMa come non è stato mai fatto”

Politica, Top0
TeMa torna alla ribalta.  Questa volta sono i rumors sempre più insistenti che la stagione teatrale sia bloccata.  Il cda dell’associazione che gestisce il teatro di regola deve firmare la stagione che poi viene approvata dal Comune.  Stando alle voci di bene informati manca il primo passaggio.  Eppure a giugno con una mega conferenza stampa la stessa TeMa aveva presentato in anteprima alcuni prestigiosi ospiti della stagione e Pino Strabioli, ottimo responsabile della direzione artistica, aveva anche sottolineato la presenza di spettacoli con protagonisti come Monica Guerritore e Filippo Timi.  Da allora è calato il più assoluto silenzio sul prossimo futuro del Teatro.  Siamo ormai a ottobre e, di solito, lo spettacolo del Lirico sperimentale di Spoleto fa da apertura dell’anno teatrale. 
PopBari, approvato dai soci il bilancio da -420 milioni.  Jacobini non si dimette per ora, confermata la cessione della CRO

PopBari, approvato dai soci il bilancio da -420 milioni. Jacobini non si dimette per ora, confermata la cessione della CRO

Economia, Focus1, OPT, TopNews
I soci della Banca Popolare di Bari hanno approvato a maggioranza lo schema di bilancio del gruppo.  Sicuramente non è stata una giornata facile visto che per la prima volta l'assemblea si è tenuta a porte chiuse approvando, con 30 voti contrari, il bilancio 2018 e il piano di conservazione del capitale sociale che da 1073 milioni si è ridotto a 493 milioni per effetto delle perdite.  La deliberazione per ricostituire e conservare il capitale è però in sospeso perché è in corso un'ispezione di Bankitalia.  A rimanere in sospeso è anche l'offerta vincolante presentata da SRI  Global per l'acquisizione della maggioranza di CariOrvieto.  La banca orvietana ha registrato attivi per 1,4 miliardi di euro.  Nella stessa assemblea sono stati rinnovati 6 consiglieri su 11, 4 per scadenza del mandat
Replica dura della PopBari alla lettera del presidente della Fondazione.  “In 10 anni sono state sostenute attività culturali e imprese di Orvieto”

Replica dura della PopBari alla lettera del presidente della Fondazione. “In 10 anni sono state sostenute attività culturali e imprese di Orvieto”

Attualità, Città, Economia, Top0, TopNews
Riceviamo e pubblichiamo un lungo comunicato di Banca Popolare di Bari che replica in maniera piuttosto dura alla lettera agli orvietani del presidente della Fondazione CRO, Gioacchino Messina.  Ricordiamo che il bilancio CRO si è chiuso con un rosso di circa 30 milioni di euro contestato dalla Fondazione che ha votato contro il assemblea dei soci.   A valle dell’approvazione, a maggioranza, del bilancio della Cassa di Risparmio di Orvieto per l’esercizio 2018, alcuni organi di stampa hanno riportato una serie di commenti rilasciati dal presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Gioacchino Messina, che richiedono una puntuale replica, se non altro per le diffuse imprecisioni in essi contenute. Nei 10 anni ormai trascorsi dall’acquisizione del controllo della Cas
Cassa di Risparmio, bilancio chiuso a -32,4 milioni. La Fondazione vota contro

Cassa di Risparmio, bilancio chiuso a -32,4 milioni. La Fondazione vota contro

Città, Economia, Top0, TopNews
L’assemblea degli azionisti della Cassa di Risparmio di Orvieto, riunitasi in seconda convocazione il 12 luglio in prosecuzione della riunione fissata per il 28 giugno 2019, ha approvato a maggioranza, con il voto contrario della Fondazione CRO, il bilancio al 31 dicembre 2018.  Il bilancio evidenzia una perdita netta di 32,4 milioni (utile di 2,2 milioni nel 2017), sostanzialmente riconducibile all’integrale rettifica degli avviamenti ancora presenti in bilancio, pari a 30,9 milioni. Il bilancio evidenzia altresì rettifiche nette su crediti e perdite da attività finanziarie per 9,9 milioni (4,6 milioni nel 2017). Al 31 dicembre 2018 la Cassa di Risparmio di Orvieto gestiva una raccolta complessiva da clientela per 1,59 miliardi (di cui 1,05 miliardi rappresentano la componente dire
Le grandi sfide per Orvieto, Auri, trasporti, nuovi residenti. Questi i punti nodali per la nuova giunta targata Roberta Tardani

Le grandi sfide per Orvieto, Auri, trasporti, nuovi residenti. Questi i punti nodali per la nuova giunta targata Roberta Tardani

Opinioni, Politica, Top0
Si fa grande l’attesa per i componenti della nuova giunta.  E’ grande la curiosità sia all’interno della maggioranza, per capire i pesi e i contrappesi, sia della minoranza, pronta a impallinare eventuali scelte considerate divisive o non all’altezza, chiaramente da loro punto di vista.  Di nomi ne sono stati fatti tanti, ma mai è arrivata conferma dalla diretta interessata cioè dal sindaco Roberta Tardani.  Ora però abbiamo una data certa, quella de consiglio comunale convocato per il prossimo 27 giugno alle ore 10 e in seconda convocazione alle ore 11.  Lì, salvo sorprese, verranno comunicati i nomi ufficiali della nuova giunta con l’assegnazione delle deleghe. Intanto proviamo a raccontare alcuni scenari a partire dalla Lega che con i suoi cinque consiglieri eletti e con mister prefe
La Fondazione CSCO sempre più punto di riferimento per studio e alta formazione.  Manca il supporto della città

La Fondazione CSCO sempre più punto di riferimento per studio e alta formazione. Manca il supporto della città

Attualità, Centro Studi Città di Orvieto, Città, Economia, Focus2
Martedì 16 aprile, nell’Aula Magna di Palazzo Negroni si è svolta la conferenza di presentazione del bilancio consuntivo 2018 della Fondazione per il Centro Studi “Città di Orvieto” che conferma il trend iniziato nel 2014 e si è chiuso con un risultato economico positivo, mostrando l’ampliamento e la diversificazione delle attività insieme al “portfolio” delle relazioni e dei rapporti di collaborazione con università, istituzioni culturali e di ricerca, associazioni ed ordini professionali. I risultati economici conseguiti dalla Fondazione C.S.C.O. nell’anno appena trascorso, le attività avviate ed in programma, insieme ai progetti che vedranno la luce nei prossimi mesi sono stati illustrati dal presidente, Matteo Tonelli che ha descritto la situazione patrimoniale ed economica dell
Tardani torna ad aggregare, Germani ha il partito spaccato.  OrvietoLife invita i candidati il 15 maggio a parlare di futuro della città

Tardani torna ad aggregare, Germani ha il partito spaccato. OrvietoLife invita i candidati il 15 maggio a parlare di futuro della città

Amministrative 2019, Città, Politica, Top0, TopNews
Iniziano a delinearsi i candidati.  Siamo ancora in attesa di quello del M5S, è spuntata la lista "Bella Orvieto" di derivazione della anonima banda dei sette che non è ben chiaro se concorrerà in solitudine o in alleanza con uno dei candidati già presenti.  Sembra essere rientrata la fronda degli scontenti di Roberta Tardani, con Fratelli d'Italia pronto a ricucire lo strappo e la parte critica di Forza Italia che sta riflettendo sui rapporti di forza e i vantaggi nel correre come alternativi.  Rimane aperta la questione PD con Germani confermato dai vertici regionali scesi a Orvieto per smussare gli angoli.  Operazione non riuscita, tanto che l'opposizione al sindaco uscente ha inviato un comunicato al vetriolo lasciando intendere che potrebbero anche fare scelte dirompenti per il 26 mag
Swap BNL, il sindaco annuncia la vittoria in primo grado e 2 milioni di euro per la città

Swap BNL, il sindaco annuncia la vittoria in primo grado e 2 milioni di euro per la città

Città, Economia, Top0, TopNews
Il Tribunale di Terni, con sentenza di primo grado, dà ragione al Comune di Orvieto sulla vicenda degli swap a suo tempo sottoscritti con BNL.  Nella passata consiliatura esplose in tutta la sua virulenza la questione degli swap, una parte con RBS e un'altra con BNL.  Per quanto riguarda RBS si andò a transazione chiudendo la vicenda mentre con il secondo istituto non si raggiunse un accordo e si proseguì per via legale per volere dell'allora sindaco Concina e dell'assessore Piergiorgio Pizzo. Per effetto di questa decisione, che comunque ha messo al riparo il Comune da uscite e ulteriori aggravi di bilancio, dal 2014 l'amministrazione ha dovuto accantonare 300 mila euro per un totale di 2 milioni di euro tolti dalla disponibilità reale della città.  Nel comunicato ufficiale del Comune
Popups Powered By : XYZScripts.com