La USL2 pubblica il bando per una nuova asta su ex-ospedale e pediatria alle stesse condizioni economiche

La USL Umbria 2 insiste e ci riprova con l’asta in due lotti distinti per l’ex-ospedale e la ex-pediatria.  Con questa siamo al quarto tentativo di vendita per i due immobili.  La scorsa volta l’asta è andata totalmente deserta, mentre precedentemente un’offerta era arrivata ma non rispettava i termini descritti e le prescrizioni per la partecipazione ed è stata esclusa.

Ora si torna all’asta con due distinti esperimenti il 5 ottobre e il 5 novembre, con quest’ultima che avrà luogo  esclusivamente nel caso in cui la prima andasse deserta.  I valori sono 3,5 milioni per l’ex.ospedale e 950 mila euro per la ex-pediatria.  Insomma non sono cambiati anche dopo la pandemia, anzi sono rimasti gli stessi anche se il mercato immobiliare ha subito un calo soprattutto per le grandi strutture e i centri storici in generale.   Non sono mancante le polemiche sulla scelta della USL di mettere all’asta e quindi di alienare un bene così importante nel pieno centro cittadino ma ancor più oggi la ricerca e il reperimento di risorse deve essere il primo punto all’ordine del giorno degli amministratori della sanità pubblica.  Permane un unico dubbio che speriamo venga fugato in caso di aggiudicazione magari al rialzo così come previsto dal bando, cioè che i soldi provenienti da tale vendita vengano poi investiti esclusivamente sulla sanità cittadina e di territorio anche per diminuire il gap che persiste ed anzi si è ampliato con altre realtà territoriali appartenenti alla stessa USL.

 

Comments

comments

No Banner to display

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*