Tag: piazza XXIX marzo

Ripavimentazione di via Arnolfo di Cambio, piccola rivoluzione nel traffico del centro storico

Ripavimentazione di via Arnolfo di Cambio, piccola rivoluzione nel traffico del centro storico

Focus1, Info Pubblica Utilità, OPT
Avranno inizio lunedì 4 febbraio prossimo i lavori di rifacimento della pavimentazione di via Arnolfo di Cambio nel centro storico, ovvero il piccolo tratto stradale che collega Via Roma con Piazza 29 Marzo. “E’ prevista la rimozione dell’attuale pavimentazione che presenta vistosi cedimenti per effetto dell’importante volume di traffico che la strada sopporta, quindi la risagomatura e rimodellamento fino alla ripavimentazione vera e propria” spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici, Floriano Custolino. “I lavori – aggiunge – sono programmati fino al 1° marzo al fine di consentire la necessaria maturazione dei getti di cemento del sottofondo della pavimentazione e poi procedere alla realizzazione del selciato. Trattandosi di un tratto stradale molto trafficato ancorché stretto, è fondame
PD e Liberi e Uguali uniti per ricordare i valori della resistenza a Piazza XXIX marzo sabato

PD e Liberi e Uguali uniti per ricordare i valori della resistenza a Piazza XXIX marzo sabato

Varie
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato firmato da PD e Liberi e Uguali   La libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare” ripeteva Piero Calamandrei, proprio quella libertà a noi affidata dalla Resistenza e trascritta sulla nostra Costituzione antifascista, verso la quale abbiamo un obbligo morale, di scolpirla nella nostra memoria e renderla viva per noi e per le future generazioni. Anni di revisionismo storico, di allontanamento dal dibattito pubblico, di acquiescenza della maggior parte delle forze politiche, hanno sdoganato movimenti, idee e pratiche dichiaratamente e palesemente di matrice fascista. Movimenti che ora prendono forma come partito e si presentano alle elezioni politiche.  Il “clima sociale” di intolleranza, “agitato” da questi
La Giornata del Ricordo: l’operazione di contro-marketing è perfettamente riuscita

La Giornata del Ricordo: l’operazione di contro-marketing è perfettamente riuscita

Blog, Politica, Top0
10 febbraio eccolo, arriva come ogni pieno di polemiche strumentali e fuori luogo.  L’amministrazione comunale continua a patrocinare manifestazioni che tendono a negare il dramma delle foibe e degli esuli istriano-dalmati e a mischiare la storia.  Spesso la storia la scrivono i vincitori, è vero, ma quando una legge disegna i confini dei una Giornata del Ricordo allora c’è poco da ricercare.  Ma il Comune di Orvieto non sembra capire.  Quest’anno a bacchettare giustamente l’amministrazione ci ha pensato Gian Antonio Stella, non un estremista di destra, un sostenitore di CasaPound, anzi, ma un giornalista fra i più autorevoli nel panorama italiano.  Lo ha fatto scrivendo su Il Corriere della Sera della “scelta insensata” per la Giornata del Ricordo da parte del Comune di Orvieto. Il so
CasaPound risponde al sindaco, “noi rispettiamo tutti i morti soprattutto se figli di Orvieto e barbaramente uccisi”

CasaPound risponde al sindaco, “noi rispettiamo tutti i morti soprattutto se figli di Orvieto e barbaramente uccisi”

Focus1, Politica
Sindaco, Pd, Liberi e Uguali, Anpi  e tutte le altre sigle "paladine" della democrazia orvietana, stanno cercando di ostacolare la fiaccolata per i martiri delle Foibe organizzata da CasaPound Italia, un movimento politico legalmente riconosciuto, in corsa per le elezioni politiche del 4 marzo. Di cosa ci accusano? Di inaugurare la sede di un' associazione culturale in Piazza XXIX Marzo, piazzale simbolo dell' eccidio di Camorena. Probabilmente questi signori non sanno che noi siamo abituati a rispettarli, i morti. E non a denigrarli. A maggior ragione se figli della nostra città. A maggior ragione se barbaramente uccisi. Ricordiamo a tutti, che il nostro movimento è totalmente autofinanziato con gli sforzi dei nostri ragazzi, ed abbiamo preso in affitto questo locale perché adeguato
Anpi, Orvieto non dimentica l’eccidio di Camorena e dice no alla sede di Casapound in Piazza XXIX Marzo

Anpi, Orvieto non dimentica l’eccidio di Camorena e dice no alla sede di Casapound in Piazza XXIX Marzo

Città, Focus1, Politica
Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota dell'ANPI di Orvieto   I Sette Martiri di Camorena rappresentano il simbolo dell’antifascismo orvietano, 70 anni fa, come oggi e come domani, sempre. L’annunciata apertura in Piazza 29 Marzo, intitolata alla data storica dell’eccidio dei Sette Martiri, di una sede di Casa Pound - associazione notoriamente ispirata all’ideologia nazi-fascista - oltre a risultare inopportuna, rappresenta uno sfregio alla storia democratica della nostra città. Non dimentichiamo che come cittadini italiani siamo tutti impegnati a difendere la Costituzione repubblicana che nella XII Disposizione vieta “la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista” e si oppone a qualunque forma di fascismo e di razzismo. L’Anpi sollecita t
Popups Powered By : XYZScripts.com