Tag: pd

Tornano venti di guerra nel PD.  Autoconvocato il coordinamento del partito a Orvieto

Tornano venti di guerra nel PD. Autoconvocato il coordinamento del partito a Orvieto

Focus2, Politica
Riceviamo e pubblichiamo a nome di Renato Piscini, Massimo Ciotti e Massimo Marinelli un comunicato dell'autoconvocato coordinamento del PD di Orvieto che annuncia una conferenza stampa per spiegare le prossime mosse del partito in preparazione della prossima importante scadenza elettorale regionale   Ritrovare organizzazione, unità e prospettiva per il partito democratico di Orvieto. Queste le motivazioni che hanno mosso buona parte dei membri del coordinamento comunale del Pd di Orvieto ad autoconvocarsi e porre fine a questa fase di interregno improduttivo che ha portato il Centrosinistra orvietano a sparire dal dibattito politico. Il Commissario regionale, Valter Verini, informato della riunione con il suo silenzio-assenso ha legittimato, di fatto, l’autoconvocazione del coord
Parte lo psico-dramma della sinistra sulle cause della sconfitta.  Di chi è la colpa?

Parte lo psico-dramma della sinistra sulle cause della sconfitta. Di chi è la colpa?

Amministrative 2019, Elezioni, Focus1, Opinioni
Orvieto si è risvegliata di centro-destra e a sinistra è immediatamente partito lo psico-dramma delle cause.  Come mai? Cosa è successo?  Perché non ci hanno votato?  Per rispondere bisogna partire da lontano, esattamente dal 2014 con Germani appena eletto e Concina sconfitto.  La prima giunta è stata frutto di un equilibrismo interno che ha segnato poi l’intera consiliatura.  Ecco il vulnus è proprio questo, l’ennesima divisione interna al PD che è riuscito a governare la città ma a costo di compromessi spesso dolorosi per Orvieto.  Quali?  Il primo e più grosso è stato sicuramente quello riguardante il pre-dissesto.  Ci si è intestarditi e poi si è spacciato il risultato per una grande vittoria che avrebbe liberato risorse per il futuro.  Intanto la società civile arrancava, le piccole i
Caro Giorgio ti scrivo…così ti rispondo un po’. Come vedi niente censure ma solo alcuni punti per riflettere a 360 gradi

Caro Giorgio ti scrivo…così ti rispondo un po’. Come vedi niente censure ma solo alcuni punti per riflettere a 360 gradi

Opinioni, Top0
Caro Giorgio Santelli, collega che non hai voluto dare solidarietà, ho letto la tua lettera che ci hai inviato per mail ma che poi mi sono ritrovato su fb, primo atto di poca cortesia, forse temendo che censurassimo.  Non è nel mio stile censurare così come non ho fatto per il famoso comunicato a nome della maggioranza del PD.  E’ chiaro che appena ci è giunta notifica ci siamo attivati con i nostri canali per trovare un accordo e in tal senso Francesco Paolo Li Donni ti ha contattato, come collega e persona considerata vicina all’attuale sindaco.  Ci è stato richiesto del tempo direttamente dal sindaco, esattamente 48 ore. Siamo così arrivati al 26 aprile.  Abbiamo chiesto l’intervento del commissario regionale del PD Verini che ci ha chiesto tempo fino al 2 maggio.  Fatto.  E’ nel fra
Giorgio Santelli, “Germani ha sbagliato a denunciarli ma anche i giornalisti che non verificano l’attendibilità delle notizie hanno le loro responsabilità”

Giorgio Santelli, “Germani ha sbagliato a denunciarli ma anche i giornalisti che non verificano l’attendibilità delle notizie hanno le loro responsabilità”

Opinioni, Top0
Riceviamo e pubblichiamo una lettera di Giorgio Santelli, giornalista di RaiNews, relativa alla questione delle denuncia di Germani nei confronti di alcune testate, compresa la nostra, e non di altre.  Ringraziamo comunque il collega per aver espresso la sua posizione a cui replichiamo con una nostra risposta a breve.   Sono uno dei giornalisti che ha scelto di non sottoscrivere la lettera inviata all’ordine dei giornalisti dell’Umbria sul caso della richiesta di mediazione avanzata dal sindaco Giuseppe Germani ad Andrea Scopetti, Rovero Ermini e ad alcuni giornalisti orvietani, nello specifico Claudio Lattanzi, Alessandro Li Donni, Monica Riccio e Vincenzo Carducci oltre ai loro editori. Non ho sottoscritto quella lettera ma, non appena mi è stata comunicata da Francesco Paolo Li
E’ una campagna elettorale atipica.  Noi chiamati alla “mediazione” ma il confronto lo vogliamo fare lo stesso

E’ una campagna elettorale atipica. Noi chiamati alla “mediazione” ma il confronto lo vogliamo fare lo stesso

Amministrative 2019, Top0
Il 26 maggio si avvicina e le liste con i candidati a sindaco si presentano in un tourbillon di date, appuntamenti e piazze.  Ogni volta c’è l’elenco dei desiderata, qualche piccolo accenno a cosa si vuol fare per Orvieto e poi i soliti mantra dei contenitori vuoti, troppi, dell’ex-ospedale, del bilancio risanato o non, a seconda da che parte si guarda.  Manca completamente il come e soprattutto con chi. Manca dal dibattito tutto il tema della sfida digitale che a Orvieto arranca perché non si riesce a portare la fibra in ogni dove.  Manca il tema del rilancio economico della città.  Manca il tema del credito alle aziende.  Manca il tema della crescita delle imprese orvietane che presuppone un ruolo della politica attivo e propositivo. OrvietoLife proprio per questo ha lanciato da te
Francesco De Rebotti, sindaco di Narni, è stato nominato commissario del Pd di Orvieto da Valter Verini

Francesco De Rebotti, sindaco di Narni, è stato nominato commissario del Pd di Orvieto da Valter Verini

Politica, Top0
E' Francesco De Rebotti il commissario del PD di Orvieto.  La scelta di Valter Verini, commissario del Pd umbro, è ricaduta sul sindaco di Narni.  Ad azzerare la segreteria orvietana del partito guidato da Zingaretti era stato Giampiero Bocci che poco prima di essere coinvolto nell'inchiesta di Perugia sui concorsi, aveva indicato proprio il primo cittadino di Narni come coordinatore politico-amministrativo per la gestione dell'intera fase elettorale.  Ora Verini ha deciso di azzerare tutte le cariche, nel tentativo di riportare l'unità all'interno del PD letteralmente dilaniato da lotte interne tra l'attuale sindaco e l'ormai ex-segretario Andrea Scopetti.  La guerra dichiarata da tempo tra i due ha visto alzarsi l'asticella dello scontro fino al ricorso alla commissione di garanzia da pa
Roberta Tardani, “le dimissioni della presidente Marini sono l’inizio della fine del regime”

Roberta Tardani, “le dimissioni della presidente Marini sono l’inizio della fine del regime”

Amministrative 2019, Focus1, Politica
Riceviamo e pubblichiamo una nota di Roberta Tardani, candidata sindaco per il centro-destra, sulle dimissioni di Marini ma soprattutto sul prossimo futuro della sanità orvietana.   "Le dimissioni della Presidente Marini preannunciano l'imminente caduta del regime che ha mal governato per quasi mezzo secolo la nostra regione e siamo pronti ad avviare una battaglia senza risparmio di energia a favore dell'ospedale di Orvieto e di tutto il sistema sanitario del nostro territorio. Mi sono occupata direttamente delle forti criticità del Santa Maria della Stella, presiedendo la commissione comunale che, per un anno, ha compiuto un monitoraggio sui vari reparti e servizi dell'ospedale, a partire dalle liste d'attesa. Un lavoro trasversale le cui conclusioni non sono state nemmeno recapi
Inizia la guerra, Germani attacca Tardani che ha rifiutato il confronto in Tv

Inizia la guerra, Germani attacca Tardani che ha rifiutato il confronto in Tv

Amministrative 2019, Focus1, Politica
Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma diretta di Giuseppe Germani, candidato sindaco del centro-sinistra, che stigmatizza il comportamento del candidato sindaco di centro-destra, Roberta Tardani, dopo il suo rifiuto alla partecipazione ad un programma televisivo di confronto tra i due schieramenti.   "Ho ricevuto l’invito da parte di un giornalista locale a partecipare, io e quattro rappresentanti della mia coalizione, a un confronto articolato in cinque trasmissioni.  Abbiamo ritenuto di accettare perché sono previste modalità che garantiscono tutti.  Ma anche perché abbiamo molto da raccontare, di concluso e di avviato, su cui costruire progetti per il futuro della città. Noi non abbiamo bisogno di promettere, quanto sappiamo fare lo abbiamo dimostrato e lo proponiamo alla citt
Tardani torna ad aggregare, Germani ha il partito spaccato.  OrvietoLife invita i candidati il 15 maggio a parlare di futuro della città

Tardani torna ad aggregare, Germani ha il partito spaccato. OrvietoLife invita i candidati il 15 maggio a parlare di futuro della città

Amministrative 2019, Città, Politica, Top0, TopNews
Iniziano a delinearsi i candidati.  Siamo ancora in attesa di quello del M5S, è spuntata la lista "Bella Orvieto" di derivazione della anonima banda dei sette che non è ben chiaro se concorrerà in solitudine o in alleanza con uno dei candidati già presenti.  Sembra essere rientrata la fronda degli scontenti di Roberta Tardani, con Fratelli d'Italia pronto a ricucire lo strappo e la parte critica di Forza Italia che sta riflettendo sui rapporti di forza e i vantaggi nel correre come alternativi.  Rimane aperta la questione PD con Germani confermato dai vertici regionali scesi a Orvieto per smussare gli angoli.  Operazione non riuscita, tanto che l'opposizione al sindaco uscente ha inviato un comunicato al vetriolo lasciando intendere che potrebbero anche fare scelte dirompenti per il 26 mag
Lo tsunami Germani si abbatte sul Pd orvietano commissariato da Bocci, Scopetti assente al coordinamento

Lo tsunami Germani si abbatte sul Pd orvietano commissariato da Bocci, Scopetti assente al coordinamento

Varie
Lo tsunami Germani ha travolto l'intera struttura del PD orvietano.  Al coordinamento era presente il segretario regionale Gianpiero Bocci, primo allarme, a dirigere i lavori; era assente il segretario comunale Andrea Scopetti, secondo allarme che ha fatto immediatamente alzare il livello di attenzione sulla galassia PD. La prima notizia arriva è lo sblocco della candidatura di Giuseppe Germani che, nonostante il gradimento della base e dei circoli veniva lasciata in sospeso dalla dirigenza locale che ha ostinatamente ricercato un nome alternativo fino a poche ore prima del coordinamento.  Bocci ha registrato tutto e, molto probabilmente non ha dimenticato lo sgarbo dell'attesa la volta scorsa fuori della sede di Sferracavallo per la "mancanza" della chiave per aprire.  Ha provato comun
Popups Powered By : XYZScripts.com