OPT

Adriana Pannitteri presenta il suo giallo d’esordio al Vetrya Corporate Campus sabato 12 ottobre

Adriana Pannitteri presenta il suo giallo d’esordio al Vetrya Corporate Campus sabato 12 ottobre

Cultura, Focus2, Libri, OPT
Sabato 12 ottobre ore 17,30 al Vetrya Corporate Campus si terrà la presentazione di "Cronaca di un delitto annunciato", il primo libro di Adriana Pannitteri, giornalista del Tg1.  Il protagonista del giallo d'esordio del volto noto della RAI è Antonio, carabiniere siciliano trasferito al nord di buoni natali e ideali rigorosi e che pensa che la vita sia destinata a procedere lungo binari rassicuranti con alle spalle una bella famiglia. Ma ad un certo punto tutto cambia e Antonio si trasforma in un mostro.  La data è di quelle indimenticabili e tragica, l'11 settembre del 2001.  Il mondo sta cambiando e anche Antonio inizia il suo in maniera repentina.    Liberamente ispirato a una storia vera, il romanzo si dipana attraverso lo scambio di lettere con Maria Grazia, una giornalista di una im
Cro, senza territorio avrà un futuro anche con il cambio della guardia?

Cro, senza territorio avrà un futuro anche con il cambio della guardia?

Città, Economia, Focus2, Opinioni, OPT, TopNews
Si sta chiudendo questa lunghissima estate calda che ha visto CRO al centro di un gioco della parti rapido ma intenso con la Fondazione che ha presentato la sua offerta da circa 30 milioni di euro per la banca controllata da BPBari e a inizio estate è spuntato SRI Group di Giulio Gallazzi con la risposta da 60 milioni che ha definitivamente messo out la Fondazione. Nel frattempo a Bari hanno archiviato un 2018 terribile con un bilancio chiuso a -420 milioni circa, quello di CRO chiuso a -30 e un cambio di guida che per la prima volta non vede uno Jacobini alla guida della banca anche se in realtà il presidente sempre parente è. ma il timone lo tiene una vecchia conoscenza della finanza, Vincenzo De Bustis che ha di fatto pilotato l'exit strategy degli Jacobini, almeno di una part
Ex-caserma Piave, nostalgia, sporcizia e l’idea del raduno dei militari e museo foto-video Granatieri e CAR

Ex-caserma Piave, nostalgia, sporcizia e l’idea del raduno dei militari e museo foto-video Granatieri e CAR

Città, OPT, Top0, TopNews
L’ex-caserma Piave è sempre al centro di ogni discussione sul futuro prossimo.  Tanti i progetti, i sogni ma oggi è un pezzo importante di città utilizzata solo in piccola parte e sempre più fatiscente.   In attesa di una destinazione definitiva spuntano spazi concessi ad associazioni e enti alla ricerca di sedi non si sa quanto utilizzate.  Poi altri grandi spazi vengono destinati a magazzini. Poi vedi in giro famiglie che si guardano intorno alla ricerca di una porta, una finestra, una targa.  Sono i militari che ritornano con le loro famiglie per ricordare.  I loro visi li vedi subito perché si velano di malinconia, in parte per il tempo che passa inesorabile e in parte per l’attuale situazione della “Piave”.  Vetri rotti, crepe, umidità, scritte e sudiciume un po’ dappertutto.  La situ
Francesco Lanzi, Confindustria Orvieto, “non è più tempo dei no.  Sulla geotermia si deve aprire un confronto serio e costruttivo”

Francesco Lanzi, Confindustria Orvieto, “non è più tempo dei no. Sulla geotermia si deve aprire un confronto serio e costruttivo”

Ambiente, Castel Giorgio, Economia, OPT, Top0, TopNews
La decisione presa dal governo di autorizzare la realizzazione dell'impianto geotermico all'Alfina ha aperto uno scontro durissimo tra gli amministratori locali, i vari partiti di maggioranza e minoranza e le associazioni imprenditoriali che, una dopo l'altra, hanno dichiarato la loro apertura nei confronti dell'imprenditore che ha deciso di scommettere su Castel Giorgio.  Dopo Assocave e Confartigianato è la volta di Confindustria Orvieto.  Il presidente Francesco Lanzi ha prima di tutto sottolineato come "la società che ha proposto l'investimento abbia ottenuto le autorizzazioni necessarie.  Credo che sia arrivato il momento di aprire un confronto costruttivo tra tutte le componenti della comunità per individuare soluzioni condivise nell'interesse generale". Uno dei compiti di
Il consigliere regionale Sergio De Vincenzi lancia l’allarme sui conti della sanità umbra

Il consigliere regionale Sergio De Vincenzi lancia l’allarme sui conti della sanità umbra

Focus2, OPT, Politica, Salute
La sanità umbra continua ad attirare l'attenzione della cronaca politica non per sviluppo o ricerca ma per questioni finanziarie.  Sergio De Vincenzi, consigliere regionale del gruppo Misto-Umbria Next, attacca e chiede al presidente di giunta Fabio Paparelli e all'assessore alla sanità, Antonio Bartolini, "di prendersi la responsabilità di fugare in modo definitivo ogni dubbio circa lo stato di salute dell'Asl Umbria 1 e delle altre aziende sanitarie, restituendo un quadro della situazione reale, scevro da ogni inutile trionfalismo". "Sembrerebbe – spiega De Vincenzi - che il commissario dell'Asl Umbria 1 Lavazza, abbia lasciando intendere chiaramente alle sigle sindacali mediche che i conti dell'azienda non quadrano per niente. I rumors della notizia dello sforamento del bilancio dell
Il ringraziamento ai Carabinieri di Orvieto e il cordoglio di OrvietoLife per i drammatici fatti di Roma

Il ringraziamento ai Carabinieri di Orvieto e il cordoglio di OrvietoLife per i drammatici fatti di Roma

Attualità, OPT, Top0, TopNews
E' un giorno triste, pieno di commozione.  Si è appena concluso il funerale celebrato a Somma Vesuviana del vice brigadiere Mario Cerciello Rega e ancora ritorna la voce commossa ma ferma della giovane moglie, le parole del Comandante Nistri e negli occhi le immagini della tanta gente comune che a Roma domenica e a Somma Vesuviana ora hanno voluto rendere omaggio a un uomo delle forze dell'ordine caduto per una mano assassina che non ha avuto alcuna pietà.  Cerciello è stato ucciso in piena notte con 11 coltellate, tante, che hanno fermato la sua vita, i suoi sogni, i suoi progetti di vita con la moglie, il suo sorriso. I contorni dell'intera vicenda devono essere ancora del tutto chiariti nei dettagli; rimane la drammatica freddezza dell'autopsia e delle immagini del sangue sulla strad
Sindaci e imprese di Confindustria a confronto.  Lanzi, “per lo sviluppo serve un’azione coordinata tra comuni”

Sindaci e imprese di Confindustria a confronto. Lanzi, “per lo sviluppo serve un’azione coordinata tra comuni”

Attualità, Baschi, Castel Viscardo, Economia, Fabro, Focus2, OPT, Porano
Avviare un dialogo sullo sviluppo economico dell’orvietano. Con questo spirito gli imprenditori della sezione territoriale di Orvieto di Confindustria Umbria hanno incontrato i sindaci dei comuni del comprensorio. In particolare, hanno partecipato all’incontro Marco Conticelli (Comune di Porano), Damiano Bernardini (Comune di Baschi), Giacomo Barzi (Vice Sindaco Comune di Fabro), Federico Gori (Comune di Montecchio), Daniele Longaroni (Comune di Castel Viscardo) Roberta Tardani (Sindaco di Orvieto). Si è trattato di un incontro per fare il punto in maniera congiunta su alcuni temi che la sezione di Orvieto di Confindustria segue con attenzione da molti anni. “La sezione - ha sottolineato in apertura Francesco Lanzi, presidente della sezione di Orvieto di Confindustria Umbria - ha deciso
ASL, black-out anche all’ospedale ma il piano aziendale ha ridotto al minimo i disagi

ASL, black-out anche all’ospedale ma il piano aziendale ha ridotto al minimo i disagi

Cronaca, Focus2, OPT
Intorno alle ore 18,30 circa del 26 luglio si è verificato un importante black out elettrico ad Orvieto, che oltre a coinvolgere parte del territorio comunale ha coinvolto anche l'Ospedale S.Maria della Stella.  E' stata immediatamente contattata l'Enel che ha riferito del guasto ad una cabina di trasformazione di Ciconia.  Sono state  attivate le procedure tecniche aziendali nonché i tecnici del Comune di Orvieto e la protezione civile. L'emergenza è stata gestita sul posto dal responsabile medico Margarete Tockner e dal responsabile infermieristico Sabrina Brizi. Grazie all'attività di tutti gli operatori, nell'arco di un'ora circa sono stati riattivati i servizi essenziali, allertata la centrale operativa 118 con l'indicazione di dirottare eventuali urgenze che si fossero verificate ed
Angelo Ranchino, “rilancio economico, ambiente, ciclo dei rifiuti, rinnovo della partecipate, sono i punti nodali per la città”

Angelo Ranchino, “rilancio economico, ambiente, ciclo dei rifiuti, rinnovo della partecipate, sono i punti nodali per la città”

OPT, Politica, Top0, TopNews
Angelo Ranchino, avvocato, è il nuovo vice-sindaco di Orvieto e assessore alle attività produttive, allo sviluppo economico e al patrimonio e sostenitore della prima ora della candidatura di Roberta Tardani a sindaco della città.  Dopo la sua nomina non sono mancati alcuni malumori interni al partito di riferimento, la Lega di Salvini.  Ranchino ha iniziato immediatamente a lavorare effettuando una serie di incontri con i rappresentanti della attività produttive e con i tecnici del Comune per avere un quadro definito del patrimonio pubblico. Angelo Ranchino non è una novità assoluta nell’amministrazione di Orvieto, è un po’ un ritorno, ma c’è stata emozione al momento della nomina e soprattutto quando è entrato nel “suo” ufficio? Ovviamente sono tornato con un ruolo diverso ma l’
In tilt la cabina elettrica del Comune.  Niente corrente al PalaCongressi e al Palazzo dei Sette

In tilt la cabina elettrica del Comune. Niente corrente al PalaCongressi e al Palazzo dei Sette

Attualità, Cronaca, Focus1, OPT, TopNews, Turismo
La libreria Giunti al Punto si è ritrovata al buio così anche il Palazzo dei Congressi.  Improvvisamente è andata via la luce nei due Palazzi centrali di Orvieto.  C'è stato un guasto alla cabina elettrica del Comune e il gruppo di continuità non ha retto. La corrente è mancata una prima volta e il gruppo è partito assicurando l'illuminazione del Palazzo dei Sette e del Palacongressi.  I problemi con la cabina elettrica sono stati segnalati da tempo all'amministrazione ma nella giornata del 26 è successo quello che si temeva.  Il gruppo di continuità si è scaricato e il quadro elettrico è rimasto spento.  Così la libreria Giunti al Punto è rimasta senza corrente e alle 19.30 ha dovuto chiudere.  Anche la Torre del Moro ha chiuso con largo anticipo mentre al Palazzo dei Congressi
Popups Powered By : XYZScripts.com