Opinioni

Progetto “Scelgo Orvieto”. Interrogazione Olimpieri

Progetto “Scelgo Orvieto”. Interrogazione Olimpieri

Attualità, Città, Focus2, Opinioni
Sul progetto "Scelgo Orvieto" presentato nei giorni scorsi ai commercianti del centro storico, il consigliere Stefano Olimpieri (capo gruppo IDENTITA’ e TERRITORIO) ha presentato una interrogazione alla Giunta. ----------------------------------------------------------- Presidente Consiglio Comunale Assessorato competente INTERROGAZIONE Il sottoscritto Consigliere Comunale del gruppo Identità e Territorio, premesso che: sta girando tra i commercianti della città una lettera con la quale viene chiesto un contributo economico per aderire al progetto “scelgo Orvieto”, Natale 2018 e 26 edizione di Umbria Jazz; una richiesta assolutamente anomala in quanto mancante di soggetto mittente (forse è il Comune di Orvieto??) e, soprattutto, perché non è assolutamente specificato
Come gestiscono a Siena, Todi, Spoleto, Assisi il carico/scarico merci e le ztl?

Come gestiscono a Siena, Todi, Spoleto, Assisi il carico/scarico merci e le ztl?

Attualità, Città, Commercio, Opinioni, Top0
E’ il 12 novembre la data stabilita per far partire il nuovo sistema di carico e scarico delle merci in una parte del centro storico.  Dopo l’ampio dibattito, dopo la question time in consiglio comunale presentata da Roberto Meffi e la risposta dell’assessore Andrea Vincenti che ha spiegato la ratio dell’intervento, abbiamo continuato il nostro viaggio e, senza avere alcuna nostalgia per il passato, siamo andati a controllare come si comportano altre città simili ad Orvieto in materia e non mancano le sorprese.  Si deve partire dal presupposto che le attività commerciali di un centro storico non devono essere penalizzate ma devono essere messe nelle condizioni di pari opportunità, sempre nei limiti del possibile, con quelle del resto della città, ma soprattutto chi lavora, dagli operai
Olimpieri: “Ma chi lo paga questo festival?”

Olimpieri: “Ma chi lo paga questo festival?”

Focus2, Opinioni
Riceviamo e pubblichiamo a firma Stefano Olimpieri (Capogruppo IDENTITA’ e TERRITORIO) Seppur in misura molto più modesta rispetto a quello che avveniva a cavallo degli anni 2000, in questi ultimi anni si è riemesso in moto il solito modello basato sulla spesa pubblica al fine di finanziare iniziative perlopiù improduttive che spessissimo creano sofferenze ai bilanci del Comune ed a quelli delle sue partecipate. L’ultima iniziativa in ordine di tempo è quella presentata al Teatro Mancinelli lo scorso 25 ottobre. Alla conferenza stampa che ha lanciato il festival “Diritti ad Orvieto – human rights international – film festival” hanno partecipato anche l’Assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Orvieto ed un Consigliere della Te.Ma., a dimostrazione che sia il Comune che l’Assoc
좋은 여행을하다 (fa buon viaggio) sindaco Germani!

좋은 여행을하다 (fa buon viaggio) sindaco Germani!

Focus2, Opinioni
Riceviamo e pubblichiamo a firma Stefano Olimpieri (Capo gruppo IDENTITA’ e TERRITORIO) Il Sindaco sta per partire per un viaggio in Korea del Sud con Cittaslow. Non scandalizza che un Sindaco faccia promozione della città, quello che sconcerta sono i flop inanellati in questi anni in materia di incremento dei flussi turistici. Basta ricordarne due su tutti: uno a Praga e ad un’altra sempre in Korea. Da queste missioni la città non ha avuto alcun beneficio, né in termini di incremento dei flussi turistici, né tantomeno in termini di interscambi economici per le nostre imprese. E non può essere più neanche Cittaslow il veicolo sul quale la Giunta si appoggia per fare promozione: una realtà, quella di Cittaslow, che ha dimostrato nel corso di tutti questi anni di non portare nessun valore a
Come gestire i beni pubblici? Le aziende speciali sono farraginose, i privati devono essere controllati

Come gestire i beni pubblici? Le aziende speciali sono farraginose, i privati devono essere controllati

Città, Focus1, Opinioni, Politica
In queste settimane si è riacceso il dibattito sulla gestione dei beni pubblici con ricorsi, editoriali, note, dichiarazioni a vario titolo della politica. Partiamo dalla soluzione delle soluzioni. La cosiddetta SuperTeMa non è percorribile perché dopo il bando di gara per l’affidamento del Teatro Mancinelli si è di fatto certificato che l’associazione è di stampo privatistico, quindi alla pari con tutte le associazioni del medesimo tipo e non a controllo pubblico.  L’Azienda Speciale è una strada percorribile ma permangono forti i dubbi in merito.  Chi avrà la governance? Chiaramente la politica e questo fa suonare una serie di campanelli di allarme: assunzioni, lavoro, bilanci, garanzie bancarie, ripianamento degli eventuali debiti e chi più ne ha più ne metta.  Orvieto ha sperimentato i
Massimo Gnagnarini: SuperTema? no, grazie meglio i bandi di gara per gli asset del centro storico

Massimo Gnagnarini: SuperTema? no, grazie meglio i bandi di gara per gli asset del centro storico

Città, Focus2, Opinioni, Politica
Riceviamo e pubblichiamo una nota di Massimo Gnagnarini sul prossimo futuro della gestione degli asset strategici del centro storico di Orvieto   Alle prossime elezioni comunali si contrapporranno due idee diverse di sviluppo del centro storico di Orvieto. Una consiste nell'unificare sotto un determinato soggetto imprenditoriale la gestione dei principali asset patrimoniali e culturali produttivi quali il Palazzo dei congressi, il Pozzo di San Patrizio, il Palazzo dei Sette, La Biblioteca, la Torre del Moro, ecc.. da affidare a una sorta di SuperTEMA controllata dal Comune e che attualmente gestisce il Teatro Mancinelli. L'altra consiste nel disegnare una nuova mappa della messa a reddito del patrimonio pubblico cittadino definendone gli obiettivi strategici, riqualificando ...
Ospedale in vendita ma poi le risorse come verranno spese e chi controllerà?

Ospedale in vendita ma poi le risorse come verranno spese e chi controllerà?

Città, Focus1, Opinioni, TopNews
Ci siamo, forse, per la vendita dell’ex-ospedale e dell’ex-pediatria per un totale di base d’asta di 4,45 milioni di euro, oltre eventuali aumenti.  A metà novembre si saprà se arriveranno offerte e pochi giorni dopo l’assegnazione.  La destinazione ad albergo di lusso, un 5 stelle, non è stata messa in discussione perché serve ad Orvieto un hotel di stile, di lusso che attiri una clientela con disponibilità economiche sopra le media.  Indubbiamente la nascita di un albergo di questo tipo potrebbe anche favorire un rinnovamento e miglioramento delle altre strutture alberghiere presenti nel centro storico, con un effetto leva di valore per tutta la città.  Ma permangono alcuni dubbi in merito ai soldi che andrà, probabilmente, ad incassare la USL2.  Secondo accordi ogni soldo derivante d
Cristina Calcagni, “a noi del condominio nessuno ci ha avvertito della dedica e targa a Valentini. Non è democrazia questa”

Cristina Calcagni, “a noi del condominio nessuno ci ha avvertito della dedica e targa a Valentini. Non è democrazia questa”

Attualità, Città, Focus1, Opinioni
Riceviamo e pubblichiamo un comunicato a firma Cristina Calcagni sulla questione della targa toponomastica dedicata a Livio Orazio Valentini apposta sul Palazzo del Sangallo senza avvertire proprietari e amministratore del condominio.   Ti svegli la mattina e ti trovi sotto al portone Gran Pavese di uomini e mezzi del Centro Servizi Manutentivo del Comune e macchina spazzatrice. Pensi: finalmente! Dopo mesi in cui l’erba sotto le macchine parcheggiate, le cicche, l’immondizia (perché i mezzi non possono pulire le strade sopra le macchine affollate tra Via Beato Angelico e Piazza Febei)!  Per non parlare delle colate di liquami che come stalattiti pendono dalla maestosità, di un tempo certo non l’attuale, rappresentato dal Palazzo Monaldeschi della Cervara. E invece no! Senza av
Osservazioni, riflessioni e idee sul Corteo Storico

Osservazioni, riflessioni e idee sul Corteo Storico

Corteo Storico, Cultura, Focus2, Opinioni
di Gianluca Foresi Ora che la festa del Corpus Domini è trascorsa da qualche mese e i riflettori sulla manifestazione più importante di Orvieto si sono spenti e che quindi anche le varie polemiche hanno smesso di far vibrare il tufo, vorrei proporre qualche riflessione sul Corteo Storico, guardandolo dall’angolo visuale di chi frequenta, ormai da molti anni per motivi artistici e professionali, le più note e importanti rievocazioni storiche italiane. Cercherò nei limiti di un articolo di giornale di proporre delle osservazioni e fare una panoramica sul Corteo Storico e su quello che credo possa essere la sua funzione e il suo possibile futuro. Partirei però con delle premesse forse per molti noiose e già conosciute, ma utili ad inquadrare nel suo insieme quello che rappresenta s
Una porcata chiamata pace fiscale!

Una porcata chiamata pace fiscale!

Opinioni, Politica, TopNews
Ammontano ad oltre 20 miliardi i crediti vantati dai Comuni italiani verso i cittadini e le aziende morose per Tarsu, Ici, Imu ed altri tributi affidati alla riscossione dell'Agenzia delle entrate.  Bisogna sapere che questi crediti trasformati in cartelle esattoriali concorrono a formare le entrate del bilancio comunale di previsione e quindi a mantenere la capacità di spesa degli Enti.  Qualora il governo, come annunciato, facesse la cosiddetta “pace fiscale” con uno sconto medio del 80% queste entrate ancora da riscuotere si ridurrebbero a 4 miliardi con un taglio alle finanze comunali di ben 16 miliardi. Di conseguenza il governo dovrebbe trovare 16 miliardi, che non ha, per compensare ciò che mancherà ai comuni italiani oppure i Comuni dovranno tagliare i servizi o mantenere i serv
Popups Powered By : XYZScripts.com