Economia

CNA Umbria e credito 4.0, convenzione con la piattaforma di crowfounding Eppela per le imprese

CNA Umbria e credito 4.0, convenzione con la piattaforma di crowfounding Eppela per le imprese

Commercio, Economia, Focus1
Cna Umbria, in collaborazione con Fidimpresa hanno organizzato un confronto su “Credito 4.0. Nuovi strumenti finanziari per le imprese” che è stata l’occasione per riunire relatori di rilievo nazionale a Perugia.  Roberto Giannangeli, direttore di CNA Umbria nel suo intervento ha sintetizzato così il problema, “accesso al credito bancario? Per le micro e piccole imprese le difficoltà continuano a essere tante. Per tornare a crescere occorre puntare sull’applicazione della ‘lettera R’ della legge Bassanini e sulla costruzione di una filiera della garanzia che coinvolga i confidi, Gepafin e il Fondo centrale di Garanzia”. A discutere di credito, legge Bassanini e nuovi strumenti finanziari sono stati chiamati Federico Ghizzoni, presidente di Rothschild&Co e già ad di Unicredit, Ma
La UE certifica la crisi dell’Umbria. I nuovi programmi di sviluppo più ricchi

La UE certifica la crisi dell’Umbria. I nuovi programmi di sviluppo più ricchi

Attualità, Città, Economia, OPT, Top0, TopNews
L’Unione Europea si prepara al nuovo bilancio di lungo termine e arrivano le brutte sorprese per l’Umbria che, secondo i dati del Pil pro-capite, scende nella classifica andando a inserirsi, insieme alle Marche, tra le cosiddette regioni “in transizione”.  In pratica la Ue ogni anno stila una classifica delle aree dividendole tra regioni sviluppate, in transizione e meno sviluppate.  L’Umbria era al primo posto ma i dati aggiornati hanno fatto scendere di un gradino la Regione.  Ma è un po’ tutta l’Italia a soffrire. Campania, Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia sono in sofferenza e quest’anno verranno raggiunte da Sardegna e Molise.  Anche le regioni ricche non ridono.  Piemonte, Trentino, Friuli e Lazio hanno registrato un calo superiore al 10% nel Pil pro-capite tra il 2007 e il 2016
Confindustria presenta ITS Umbria Academy.  A Orvieto appuntamento il 20 settembre in sala consiliare

Confindustria presenta ITS Umbria Academy. A Orvieto appuntamento il 20 settembre in sala consiliare

Attualità, Città, Economia, Focus1, Lavoro, Scuola
Confindustria Umbria sta presentando i percorsi formativi di ITS Umbria Academy che prenderanno avvio in autunno. Per il biennio 2018/20 soo previsti sei indirizzi; a Perugia saranno attivi gli indirizzi di meccatronica, impresa digitale, agroalimentare e marketing mentre a Teri avranno sede meccatronica e biotencologie. ITS Umbria è un’accademia tecnica di alta specializzazione post diploma, istituita e promossa dal Ministero dell’Istruzione e dalla Regione Umbria, che nasce con l’obiettivo di risolvere il mismatch tra domanda ed offerta di lavoro.  Si tratta di un “istituto speciale di tecnologia”, partecipato dalle principali aziende del territorio che, al termine dei percorsi di durata biennale, offre elevatissime opportunità di occupazione.  La didattica combina conoscenze di natur
Tutto pronto per i lavori di adeguamento del Palazzo del Capitano del Popolo.  Il Comune trova le risorse

Tutto pronto per i lavori di adeguamento del Palazzo del Capitano del Popolo. Il Comune trova le risorse

Città, Economia, Focus1, OPT, Politica, Turismo
Si avvicina la gara per l’affidamento del Palazzo dei Congressi e l’amministrazione ha dato l’avvio all’iter per i lavori di adeguamento del Palazzo del Capitano del Popolo.  La giunta ha infatti deliberato l’importo della perizia per 37.215,38 euro per la sostituzione di 8 porte REI con i nuovi modelli certificati ai sensi della normativa vigente.  Gli altri lavori riguardano alcune opere di compartimentazione della via di fuga nel piano seminterrato, il ripristino dell’infisso del fornice centrale con la sostituzione dei cristalli incrinati e la realizzazione di un luogo sicuro per stazionare soggetti disabili durante la durata dell’eventuale emergenza.   Tutti i lavori hanno già ottenuto l’autorizzazione della Soprintendenza e il capitolo di spesa è quello della “manutenzione straordina
Un nuovo passo avanti per “Orvieto Centro” con wifi libero, marketing, progetti e innovazione

Un nuovo passo avanti per “Orvieto Centro” con wifi libero, marketing, progetti e innovazione

Associazionismo, Città, Commercio, Economia, Focus2, OPT, Orvieto per Tutti, TopNews, Turismo, Turismo
Si è completata, con l'invio della rendicontazione delle spese sostenute per l'attuazione del progetto comune (CCN) e dei progetti privati, la fase terminale che ha visto 25 imprese del Centro Storico di Orvieto coinvolte e particolarmente attive in ottemperanza alle disposizioni di cui al Bando Regionale pubblicato il 10 agosto 2016. Tale bando, cui si è partecipato con istanza del 3/10/2016, grazie al supporto tecnico logistico indispensabile e prezioso di Confcommercio Umbria, prevedeva infatti contributi a fondo perduto variabili dal 20 al 50% per gli investimenti privati e del 60% per quelli relativi alla realizzazione del progetto Comune.  Il totale dell'importo dell'investimento realizzato è stato pari a circa 202 mila, suddiviso in 53,5 mila euro per la parte comune e in 148,5 m
Agosto di lavoro e semestrale per BPBari che entro il 2018 diverrà SpA

Agosto di lavoro e semestrale per BPBari che entro il 2018 diverrà SpA

Città, Economia, Focus1, OPT
Il mese di agosto è stato di lavoro per il gruppo Banca Popolare di Bari che ha chiuso la semestrale, ha definito meglio le strategie per la trasformazione in SpA, che avverrà entro dicembre, ha avviato una nuova cartolarizzazione degli Npl per circa 800  milioni di euro come coordinatore di una cessione garantita da oltre 1,8 miliardi di euro con altre popolari indipendenti e più piccole e si è arrivati al valore libero delle azioni sul mercato Hi-Mtf pari a 2,38 euro per singolo titolo.  Per quanto riguarda la trasformazione in Spa indicativamente dovrebbe essere approvata dall’assemblea dei soci intorno alla metà di dicembre così come scritto nella relazione semestrale.  La trasformazione prevede una serie di misure preparatorie che i vertici stanno valutando con la consulenza di Oli
Ai nastri di partenza “I Gelati d’Italia” con due week-end dal 31 al 2 settembre e poi dal 7 al 9

Ai nastri di partenza “I Gelati d’Italia” con due week-end dal 31 al 2 settembre e poi dal 7 al 9

Enogastronomia, Eventi, Focus1, OPT, Turismo
E’ tutto pronto per la nuova edizione della manifestazione I Gelati d’Italia, in calendario da venerdì 31 agosto a domenica 2 settembre e, ancora, dal 7 al 9 settembre. Un’occasione da non perdere per i golosi, che troveranno negli stand della manifestazione ben 20 gusti tra cui scegliere, uno per ciascuna regione italiana.  Dopo una serie di vicissitudini e il rischio concreto che la manifestazione saltasse, alla fine si è giunti ad una conclusione positiva. Tra le vie del centro storico si troveranno i 20 gusti regionali dalla gianduia 1799 del Piemonte alle castagne di Montenars del Friuli Venezia Giulia fino al cioccolato Luisa dell’Umbria per giungere al pistacchio di Bronte per la Sicilia.  Tutti i gusti saranno preparati in una gelateria locale.  Per il 2018 gli organizzatori han
Zone pedonali sì ma…per rifiuti, corrieri e altro no e i turisti non gradiscono

Zone pedonali sì ma…per rifiuti, corrieri e altro no e i turisti non gradiscono

Città, Commercio, Focus2, Opinioni, TopNews, Turismo
Immondizia e rifiuti sono i tormentoni del centro storico.  Il ritiro dei rifiuti avviene in orari che spesso contrastano con le esigenze di una città turistica mentre l’immondizia esposta in ogni angolo del centro senza un apparente criterio.  Poi sappiamo tutti che un criterio c’è con tanto di “app” che avverte quando esporre i mastelli.  Anche i commercianti espongono i loro rifiuti così come indicato nei regolamenti.  I ristoranti fanno bella mostra di bidoni più o meno pieni sempre così come indica il regolamento.  Non solo, nel caso degli esercizi di somministrazione anche la ASL impone che non possano essere conservati i bidoni dei rifiuti se non c’è uno spazio apposito.  Così il risultato è un triste effetto arlecchino degli scorci anche suggestivi ma senza colpe.  Ma come ci si
Gianluigi Maravalle, sindaco di Ficulle, “Mab-Unesco non è un fatto privato ma ci deve essere collaborazione con il pubblico”

Gianluigi Maravalle, sindaco di Ficulle, “Mab-Unesco non è un fatto privato ma ci deve essere collaborazione con il pubblico”

Ambiente, Attualità, Ficulle, Focus2, Parrano, Politica, San Venanzo, TopNews, Turismo, Turismo
Il sindaco di Ficulle, Gianluigi Maravalle ha fatto il punto sui due importanti riconoscimenti che sono arrivati al Comune in questi ultimi mesi, Città Slow e Mab-Unesco.  In una nota ufficiale pubblicata anche sulla pagina facebook del Comune il primo cittadino ha voluto anche entrare nel merito delle polemiche intorno a Mab-Unesco spiegando la propria posizione sulla governance e il prossimo futuro del Monte Peglia. “MAB UNESCO (Man and Biosphere) è un programma scientifico intergovernativo avviato dall’UNESCO nel 1971 per promuovere su base scientifica un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente. Per il territorio e le sue comunità significa attuare politiche, imprese ed azioni tese alla tutela delle biodiversità ed alle pratiche dello sviluppo sostenibile. Significa quindi appartene
MAB-UNESCO/3 Lettera aperta ai sindaci e ai gruppi consiliari.  Franco R. Barbabella spiega il perché dei suoi dubbi

MAB-UNESCO/3 Lettera aperta ai sindaci e ai gruppi consiliari. Franco R. Barbabella spiega il perché dei suoi dubbi

Ambiente, Associazionismo, Attualità, Città, Ficulle, Opinioni, Parrano, Politica, San Venanzo, Top0, Turismo, Turismo
Una nuova lettera aperta da parte di Franco Raimondo Barbabella al sindaco di Orvieto e ai gruppi consiliari sempre sulla questione MAB-Unesco e in particolare sulla titolarità del parco e del logo.   Vedo che il Sindaco di Orvieto non ritiene di dover chiarire quanto a mio avviso andrebbe invece ben chiarito non tanto a me quanto alla generalità dei cittadini, o almeno a quella parte di essi che non si accontenta di generalgeneriche espressioni di soddisfazione per un’abile operazione di privatizzazione del Peglia. Una ricchezza questo nostro monte che certo ci piace salvaguardare e valorizzare, ma non cedendone la gestione ad un soggetto privato e soprattutto non in contrapposizione al nostro centro storico a al suo patrimonio storico artistico e naturale da concepire e trattare
Popups Powered By : XYZScripts.com