Economia

Tira aria di burrasca tra Fondazione CRO e Associazione Praesidium 🗺

Tira aria di burrasca tra Fondazione CRO e Associazione Praesidium 🗺

Attualità, Città, Economia, Focus1
Il presidente dell’Associazione Praesidium, nella lettera in risposta al Prof. Franco Barbabella, ha ipotizzato un’insufficiente trasparenza dei bilanci della Fondazione ed una mancata apertura alla Città.  In un altro articolo, apparso più recentemente su alcuni giornali on-line, sempre l’Associazione Praesidium ha invitato codesto Ente alla pubblicazione dei bilanci, motivando, in più modi, tale necessità. La Fondazione ritiene la prima affermazione completamente infondata e, di fatto, contraddetta dal secondo intervento, in cui si lamenta di non avere accesso ai dati dell’Ente. Appare, infatti, evidente che, prima di criticare un bilancio, è necessario leggerlo. In ogni caso, pur non esistendo nessun obbligo di pubblicità legale, i risultati di ogni esercizio, completi di tutta la
Praesidium, cosa sarebbe meglio per la CariOrvieto?

Praesidium, cosa sarebbe meglio per la CariOrvieto?

Attualità, Città, Economia, Top0
Sembra, da indiscrezioni giornalistiche, che questi giorni siano quelli conclusivi per decidere il futuro della Cassa di Risparmio di Orvieto.  Sembra che tutto ciò avvenga senza che sia accompagnato da una riflessione che consideri  tutte le alternative possibili e gli scenari che eventualmente si determinerebbero. Forse questa informazione insufficiente è determinata dal segreto con cui si stanno svolgendo le trattative e dalla mancanza di conoscenza dei dati economici di dettaglio, che vengono tuttora mantenuti riservati. Si ricorda che la  vendita della Cassa di Risparmio di Orvieto era stata inserita nel piano industriale della Popolare di Bari per la necessità della banca di recuperare una liquidità che le permettesse di guadagnare tempo.   Oggi questa vendita, vista la necessità di
Bpbari smentisce il closing di Cro con Sri Group

Bpbari smentisce il closing di Cro con Sri Group

Economia, Top0
Riceviamo e pubblichiamo La Banca Popolare di Bari, in amministrazione straordinaria, precisa in una nota "in merito alle notizie di stampa" apparse su alcuni media, precisa che "allo stato non risulta stipulato alcun accordo" per la "cessione della partecipazione di controllo (73,57%) della Cassa di Risparmio di Orvieto". "Sarà cura della banca comunicare tempestivamente gli esiti delle interlocuzioni in corso, al momento in essere con società facenti parte di “Sri Group Holding Company". (ANSA)
CRO, i nuovi proprietari sono Gallazzi e i francesi di Argenthal con la controllata Alkemia

CRO, i nuovi proprietari sono Gallazzi e i francesi di Argenthal con la controllata Alkemia

Città, Economia, Top0
I commissari di Banca Popolare di Bari hanno chiuso la trattativa per la cessione del 73,57% di Cassa di Risparmio di Orvieto ad un pool di investitori.  Tra i nomi si conferma la presenza del finanziare bolognese Giulio Gallazzi ma affiancato da alcuni partner che godono di maggiore solidità finanziaria come il fondo francese Argenthal tramite la controllata Alkemia.  Il fondo d'oltralpe Argenthal controlla la società d'investimenti Alkemia con 1,6 miliardi di equity capital.  Il prezzo finale per la partecipazione di controllo di CRO è di 55,5 milioni di euro, inferiore all'offerta presentata a suo tempo dal finanziere Gallazzi pari a poco più di 60 milioni di euro.  Il closing ufficiale permetterà ai commissari di far entrare in BPBari i 55, 5 milioni di euro. Si chiude così la trava
L’associazione Praesidium risponde a Barbabella su CRO e rilancia il dibattito

L’associazione Praesidium risponde a Barbabella su CRO e rilancia il dibattito

Attualità, Città, Economia, Focus2, Opinioni, Politica
Abbiamo letto con attenzione la riflessione pubblicata dal professor Barbabella avente per oggetto la situazione del principale istituto di credito della nostra Città. Gli diamo volentieri atto che in passato, in momenti particolarmente complessi, ha aiutato la nostra associazione.  Riteniamo utile chiarire alcuni aspetti a nostro avviso rilevanti.   Per alcuni versi, ci sorprende tutto il clamore che in questi giorni è intorno alle vicissitudini della Banca Popolare di Bari. Come dimostrano i numerosi articoli da noi pubblicati a partire dal giugno 2016, era già tutto chiaro sin da allora e, se si fosse intervenuti per tempo, i costi che la collettività deve oggi sopportare sarebbero stati di gran lunga inferiori. Professore, come a Lei ben noto, abbiamo a più riprese tentato di coinvo
I sindacati chiedono l’istituzione di una tavolo per seguire il percorso di CariOrvieto

I sindacati chiedono l’istituzione di una tavolo per seguire il percorso di CariOrvieto

Città, Economia, Focus2, Lavoro
Riceviamo e pubblichiamo una nota congiunta delle organizzazioni sindacali regionali e delle rappresentanze aziendali sulla situazione di Cassa di Risparmio di Orvieto dopo il commissariamento della capogruppo Banca Popolare di Bari.   Le segreterie regionali dei sindacati bancari della Regione Umbria e le RRSSAA della CRO vigilano con attenzione l'evolversi della  situazione determinatasi in Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. in seguito al commissariamento della Banca Popolare di Bari. Ritengono necessaria ed urgente la creazione di un tavolo congiunto tra  i vari attori istituzionali operanti sul Territorio, ed a tal fine hanno invitato i seguenti soggetti: presidente della Regione Umbria, sindaco di Orvieto, presidente della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A, direttore g
BPB-CRO, riassunto delle puntate precedenti e possibili scenari futuri

BPB-CRO, riassunto delle puntate precedenti e possibili scenari futuri

Economia, Opinioni, Top0
La questione BPB-CRO è sotto la lente d'ingrandimento delle istituzioni locali, regionali e nazionali.  Si moltiplicano le voci di veloce cessione, di cambio della guardia e chi più ne ha più ne metta.  Proviamo a mettere un po' di ordine nell'intera vicenda. A Bari si sono insediati i commissari nominati da Bankitalia che ora dovranno rilanciare la banca e mettere in moto il processo virtuoso di ricapitalizzazione che gli amministratori precedenti non sono riusciti a innescare.  Si doveva partire con il nuovo piano industriale e la cessione di CRO ma fino al 13 dicembre, il venerdì nero di PopBari, non c'era traccia di mosse di questo tipo, come d'altronde non si riusciva a trovare un partner con cui unirsi per beneficiare dei crediti d'imposta approvati dal precedente governo proprio
Roberta Tardani, “seguo con grande attenzione l’evolversi della situazione CRO”

Roberta Tardani, “seguo con grande attenzione l’evolversi della situazione CRO”

Economia, Focus2, Varie
L’amministrazione comunale sta seguendo con grande attenzione l’evolversi della vicenda relativa alla Banca Popolare di Bari, gruppo di cui fa parte anche la Cassa di Risparmio di Orvieto, e gli sviluppi della procedura di vendita della partecipazione dell’Istituto pugliese. In questa fase è particolarmente importante il ruolo di vigilanza e garanzia della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, socio di minoranza della CRO, per gli effetti che tali operazioni potrebbero comportante sulla Città, sui risparmiatori e sui livelli occupazionali. Per questo il sindaco, Roberta Tardani è in stretto contatto con i vertici della Fondazione CRO, con il presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei e con i Parlamentari umbri affinché rappresentino in tutte le sedi istituzionali le istanze del
Lettera aperta di Barbabella a sindaco e presidente del consiglio comunale, “discutiamo di banca e risparmio”

Lettera aperta di Barbabella a sindaco e presidente del consiglio comunale, “discutiamo di banca e risparmio”

Città, Economia, Focus1, Politica, Varie
Lettera aperta del consigliere Franco Raimondo Barbabella al sindaco Roberta Tardani e al presidente del consiglio comunale, Umberto Garbini per discutere del prossimo futuro di CRO   Gentile Sindaco e gentile Presidente, con la presente, sulla base delle motivazioni che seguono, vi chiedo di promuovere una discussione pubblica sulla vicenda del commissariamento a seguito di gravi perdite della BPB che ha avuto pesanti ripercussioni anche sulla nostra comunità e di fatto mette in gioco il destino della stessa CRO. Non ci sono solo pericoli, ci sono anche opportunità. E non dobbiamo cedere alla comoda e deleteria ideologia del nascondimento e della rinuncia. Ho titolato “Vicenda BPB e CRO. È ora di discuterne pubblicamente”. A dire il vero, l’ora è passata da un pezzo. Tre an
La Fondazione deposita 5 milioni di euro in CRO, “concittadini, abbiamo fiducia nella banca”

La Fondazione deposita 5 milioni di euro in CRO, “concittadini, abbiamo fiducia nella banca”

Attualità, Economia, Focus1
Carissimi concittadini la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto aveva da tempo interrotto i rapporti di lavoro con la partecipata Cassa di Risparmio, essendo in totale disaccordo sulla gestione proposta dalla Banca Popolare di Bari. Oggi, che con i provvedimenti governativi e della Banca d’Italia, si giunge a fare chiarezza, il Consiglio di Amministrazione della Fondazione, deputato alla conservazione del patrimonio della stessa, nell’assoluta convinzione della solidità della Cassa di Risparmio di Orvieto Spa, ha dato disposizione ai propri gestori di versare 5 milioni di Euro, come deposito libero, sul conto corrente della Fondazione presso la Cassa di Risparmio di Orvieto. In tale modo la Fondazione si unisce a tutti coloro che in questo particolare momento hanno serenamente rin
Popups Powered By : XYZScripts.com