Spettacoli

Sulle spine “Noir psicologico da morire dal ridere” al Mancinelli

Sulle spine “Noir psicologico da morire dal ridere” al Mancinelli

Cultura, Focus1, Spettacoli, Teatro Mancinelli
Venerdì in scena Urbano Barberini diretto da Daniele Falleri La programmazione del Teatro Mancinelli di Orvieto prosegue venerdì 20 aprile alle 21 con SULLE SPINE, scritto e diretto da Daniele Falleri. Ad interpretare questa tragedia da ridere è URBANO BARBERINI, attore di grande spessore teatrale che con questo spettacolo ha già conquistato, nelle precedenti messe in scena, pubblico e critica. "Noir psicologico a tinte comiche" è la definizione che meglio descrive il genere di questa pièce teatrale. Si parte da spunti di realtà oggettivamente drammatici raccontati attraverso il filtro di un’ironia schietta e travolgente. La trama si dipana attraverso situazioni probabili, ma imprevedibili tanto da spiazzare continuamente lo spettatore con una serie di colpi di scena che fanno ass
Trenitalia: con il treno a Orvieto per gli spettacoli del Teatro Mancinelli. Sconti sui biglietti

Trenitalia: con il treno a Orvieto per gli spettacoli del Teatro Mancinelli. Sconti sui biglietti

Attualità, Città, Cultura, Spettacoli, Teatro Mancinelli, TopNews
  Con Trenitalia a Orvieto, per assistere agli spettacoli in programma al Teatro Luigi Mancinelli. A chi raggiungerà la Città della Rupe e dello splendido Duomo a bordo dei treni regionali, verrà infatti riconosciuto uno sconto sui biglietti di ingresso degli spettacoli. La promozione, che vale per la stagione teatrale in essere e per l’intero cartellone 2018-2019, prevede differenti agevolazioni a seconda del posto richiesto, con prezzi a partire da 8€ (anziché 17) per il posto di IV Ordine e di15€ (invece di 20) per il posto unico. Riduzioni anche sui posti di III Ordine (16 euro anziché 24) e di I e II Ordine (20 anziché 30) fino ad arrivare ai posti della Platea, disponibili a 27€ invece di 38. Per usufruire degli sconti basterà esibire al botteghino del Teatro
Teatro e Legalità. Al Mancinelli “Per questo mi chiamo Giovanni”

Teatro e Legalità. Al Mancinelli “Per questo mi chiamo Giovanni”

Cultura, Spettacoli, Teatro Mancinelli
La programmazione del Teatro Mancinelli di Orvieto prosegue venerdì 13 aprile alle ore 10 e alle ore 21 con PER QUESTO MI CHIAMO GIOVANNI - Da un padre a un figlio, la storia di Giovanni Falcone, spettacolo portato in scena dalla Compagnia Attori & Tecnici ed interpretato da Stefano Messina (che ne firma anche la regia) e Pietro Messina.  Nella racconto, scritto da Gianni Clementi e liberamente ispirato al romanzo di Luigi Garlando, prendono vita i momenti chiave della storia di Falcone, il suo impegno, le vittorie, le sconfitte, l’epilogo. Prima dello spettacolo serale delle 21, sempre venerdì 13 PER QUESTO MI CHIAMO GIOVANNI andrà in scena alle 10 con una recita gratuita (già SOLD OUT da diversi mesi) riservata alle scuole secondarie di I e di II grado. Dopo la Giornata della M
Contro tutte le violenze sulle donne giornata al Mancinelli, “Ferite a Morte” con Lella Costa

Contro tutte le violenze sulle donne giornata al Mancinelli, “Ferite a Morte” con Lella Costa

Cultura, Focus2, Spettacoli, Teatro Mancinelli
Per la stagione teatrale 2017/2018 al Teatro Mancinelli di Orvieto è in programma un nuovo appuntamento di forte impatto socio-culturale su un tema di drammatica attualità come il femminicidio, rispetto al quale ogni persona o istituzione sono chiamate ad una presa di coscienza, ad una riflessione e alla determinata messa in campo di azioni di contrasto, innanzitutto sul piano dell’educazione e formazione degli individui.  E’ lo spettacolo “Ferite a morte”, scritto da Serena Dandini con la collaborazione di Maura Misiti che andrà in scena il 23 marzo ore 21, con matinée gratuita alle ore 10 riservata alle scuole secondarie di II grado nell’ambito del progetto Scuole a Teatro dell’Associazione TeMa. Interpreti: Lella Costa, Orsetta De’ Rossi e Rita Pelusio che si alternano sul palco d
Ultimi preparativi per “Orvieto tango festival”, in scena dal 29 giugno al primo luglio 🗓

Ultimi preparativi per “Orvieto tango festival”, in scena dal 29 giugno al primo luglio 🗓

Cultura, Eventi, Spettacoli
La città di Orvieto si prepara ad accogliere i tangheri di tutto il mondo per “Orvieto tango festival”, alla sua seconda edizione e in programma dal 29 giugno al primo luglio 2018. Una tre giorni in cui piazza del Duomo si trasformerà in un palcoscenico a cielo aperto dove le coppie di ballerini si cimenteranno nella milonga. Ma a fare da scenografia alle performances dei tangheri sarà anche Palazzo del Capitano, dove ci saranno espositori, si terranno workshop e, dopo la mezzanotte, la milonga sarà la protagonista assoluta. Ad animare le serate saranno le coppie di ballerini Alberto Colombo e Cèline Ruiz, Rodrigo Fonti e Majo Martirena, Eloy Souto e Laura Elizondo e Gustavo Rosas e Gisela Natoli. “Mancano cento giorni a questo importante appuntamento – annuncia Paolo Selmi, direttor
Art Bonus, in part bonum. Alla ricerca del mecenate (del tempo) perduto

Art Bonus, in part bonum. Alla ricerca del mecenate (del tempo) perduto

Arte, Cultura, Focus2, Opinioni, Spettacoli
di Gianluca Foresi Con estrema gioia accolgo l’istituzione e lo svolgimento ad Orvieto della Settimana dell’Arte, legata all’Art Bonus, istituito nel 2014, che permette a cosiddetti mecenati di effettuare delle erogazioni liberali in denaro per sostenere e favorire il patrimonio culturale e lo spettacolo. Aggiungo che tali erogazioni non sono fine a se stesse o a fondo perduto, diciamo cosi, ma danno diritto al credito di imposta. In queste giornate si sottolinea l’importante presenza del volontariato, grazie ad un paio di iniziative, inserite nel cartellone generale, che avranno come protagonisti volontari dell’arte e gli studenti dell’IISACP. Encomiabile dunque l’averli inseriti tra gli attori di questa settimana. Fin qui tutto bene e tutto estremamente interessante e condivisibile,
Teatro: commoventi Storti e Coniglio testimoni contro la mafia.  Con i ragazzi anche il giudice Giancarlo Caselli

Teatro: commoventi Storti e Coniglio testimoni contro la mafia. Con i ragazzi anche il giudice Giancarlo Caselli

Spettacoli, Teatro Mancinelli, Top0, TopNews, Varie
E’ stato un 16 marzo diverso per gli studenti che hanno partecipato allo spettacolo “Il Testimone” con Bebo Storti e Fabrizio Coniglio.  Si parlava di mafia, soprattutto si parlava di lotta alla mafia e di giudici.  I protagonisti in scena sono Giacomo Ciaccio Montalto e il giudice Mario Almerighi in un viaggio in barca da Civitavecchia a Trapani con flashback, ricostruzioni e testimonianze Storti e Coniglio hanno ripercorso la vita e il lavoro di Ciaccio Montalto fino al suo omicidio, e poi tutto quello che è avvenuto dopo.  La scenografia essenziale, asciutta perché le protagoniste sono le parole, parole che devono entrare e colpire il cuore dei giovani per non dimenticare.  La mafia nel passato ha ucciso tanti servitori dello stato, giudici, carabinieri, poliziotti e politici perché non
Giovedì 22 marzo la registrazione del concerto di Pasqua al Duomo, in onda su Rai uno il 30 marzo

Giovedì 22 marzo la registrazione del concerto di Pasqua al Duomo, in onda su Rai uno il 30 marzo

Cultura, Diocesi Orvieto-Todi, Eventi, Focus2, Musica, Spettacoli
Sarà registrato giovedì 22 marzo, alle 17, nel Duomo di Orvieto, il tradizionale concerto di Pasqua che sarà trasmesso su Rai uno, venerdì 30 marzo alle 22.30, dopo la "Via crucis" di Papa Francesco dal Colosseo. Il concerto, che gode dell’Alto Patronato del Ppresidente della Repubblica e del patrocinio di Presidenza del Consiglio, Ministero MIBACT, Regione Umbria, Comune di Orvieto, fondazioni Cassa di Risparmio di Perugia e Cassa di Risparmio di Orvieto, Università per Stranieri di Perugia, Opera del Duomo di Orvieto e Unicef Italia (delegazione Umbria), metterà al centro il "Mosè in Egitto" di Gioacchino Rossino. In particolare, in occasione del 105enario della morte del celebre musicista italiano, il coro e orchestra del teatro San Carlo di Napoli porterà al pubblico 70 minuti con alc
16 marzo: una Giornata contro la mafia al Teatro Mancinelli con Il Testimone, protagonisti Bebo Storti e Fabrizio Coniglio

16 marzo: una Giornata contro la mafia al Teatro Mancinelli con Il Testimone, protagonisti Bebo Storti e Fabrizio Coniglio

Cultura, Spettacoli, Teatro Mancinelli, Top0, TopNews
Il 16 marzo al Teatro Mancinelli è protagonista la legalità, quella vera con uno spettacolo forte, storico, che vuole ricordare Giacomo Ciaccio Montalto, un magistrato vittima della mafia, il primo di una lunga serie ma oggi spesso dimenticato.  Ciaccio Montalto ebbe il merito di schierarsi contro le famiglie della mafia trapanese andando a scavare approfonditamente nei loro rapporti con Cosa Nostra negli Stati Uniti.  Il giudice stava mettendo a repentaglio la sopravvivenza ma soprattutto stava mettendo a rischio l’approvvigionamento di denaro fresco per le famiglie mafiose trapanesi. Il titolo dello spettacolo è emblematico, Il Testimone, scritto da Fabrizio Coniglio e che ha come coautore Mario Almerighi giudice e amico proprio di Ciaccio Montalto.  E in un simbolico viaggio in barca
Popups Powered By : XYZScripts.com