Blog

Libreria dei Sette il grido di allarme, “pronti a chiudere”.  Perché in centro le attività non funzionano?

Libreria dei Sette il grido di allarme, “pronti a chiudere”. Perché in centro le attività non funzionano?

Blog, Commercio, Cultura, Economia, Lavoro, Libri, Top0
La notizia della possibile chiusura della Libreria dei Sette è arrivata quasi come un fulmine a ciel sereno.  L’ha anticipata il quotidiano La Nazione nell’edizione del 19 ottobre ma la notizia circolava da tempo lungo il corso.  Il tam tam delle prossime chiusure, delle cessioni e dei cambi si rincorrono in maniera vorticosa da alcuni mesi nel centro storico.  Colpisce molto la questione della Libreria dei Sette per un motivo in particolare, quando chiude una libreria è il segnale che un pezzo di comunità sta soffrendo.  La questione del canone di locazione, bisogna chiarirlo subito, non può essere presentata come causa principale.  All’epoca dell’affidamento in concessione all’attuale proprietà degli spazi del Palazzo dei Sette ci furono levate di scudi soprattutto per il costo annuo
San Giovenale incontro tra sindaco, assessore Vicenti e cittadini sugli “imminenti cambiamenti” alla viabilità.  E il confronto?

San Giovenale incontro tra sindaco, assessore Vicenti e cittadini sugli “imminenti cambiamenti” alla viabilità. E il confronto?

Blog, Focus2, Politica
Siamo tutti pronti a polemizzare sulla nuova viabilità del centro storico ma ora c’è l’occasione di svelare le proprie carte.  Per il prossimo mercoledì 11 ottobre al ristorante San Giovenale il sindaco Giuseppe Germani e l’assessore alla viabilità Andrea Vincenti incontreranno i cittadini per discutere e confrontarsi proprio sulla nuova viabilità del centro storico. Quando ha iniziato a spargersi la voce con il nuovo tam-tam digitale chiamato Facebook in molti si sono meravigliati dell’improvvisa conversione dell’amministrazione; niente più imposizioni ma vera e propria partecipazione dal basso.  Poi il tutto si è trasformato in un sogno.  Il cartello pubblicizzato su internet è un anonimo foglio affisso dal qualcuno di buona volontà dove è scritto, “il sindaco e l’assessore Vincenti inco
Il grande flop della città chiusa.  Manca la programmazione e la crisi morde

Il grande flop della città chiusa. Manca la programmazione e la crisi morde

Blog, Opinioni, Top0
I dati al 31 agosto sono difficilmente controvertibili.  Il turismo cala e, in senso più generale, calano le presenze nel centro storico.  Come mai? Questa sarebbe la prima domanda da porsi che potrebbe avere una doppia risposta, una dedicata al turista l’altra agli orvietani. Il turista che arriva ad Orvieto rimane meravigliato dalla bellezza del centro, del Duomo ma poi i servizi non sono sicuramente all’altezza.  Lo IAT ha orari d’apertura non consoni ad un punto informativo vero, le indicazioni stradali languono, i bagni pubblici sono così ben nascosti che si devono chiedere indicazioni per trovarli, altra questione anche qui l’orario di apertura.  Abbondano i parcheggi per il turista medio.  Tra insilati, piazza della Pace e strisce blu c’è solo l’imbarazzo della scelta ma il conto è
Manifestazione del PCI a difesa dell’ospedale: giunta, maggioranza e troppi cittadini assenti

Manifestazione del PCI a difesa dell’ospedale: giunta, maggioranza e troppi cittadini assenti

Blog, Focus2, Politica
Come promesso il 9 settembre Ciro Zeno era di fronte all’ospedale per manifestare in favore del nosocomio orvietano troppo spesso dimenticato dalle istituzioni regionali.  Era lì pronto a parlare alle persone, ai pazienti, ai visitatori, ai dipendenti.  Alla fine dei giochi un po’ di persone c’erano ma meno del previsto, o almeno meno di quelle che tutti si attendevano.  Si parla di sanità, dei problemi delle liste di attesa e delle difesa della centralità dell’ospedale di Orvieto.  Niente da fare.  Mancavano i sindacati ma soprattutto mancavano le istituzioni cittadine e la politica salvo qualche rara eccezione.  Alla manifestazione ha aderito anche Sinistra Italiana, presente, mentre in troppi hanno preferito scegliere altri appuntamenti piuttosto che confrontarsi con la realtà dura di t
Cosa sta succedendo veramente a Bari? Non sarà che…

Cosa sta succedendo veramente a Bari? Non sarà che…

Blog, Economia, Top0
Dopo la notizia delle indagini che coinvolgono i vertici di Banca Popolare di Bari ecco che iniziano ad arrivare le indiscrezioni sulle carte. Bisogna leggere tra le righe per avere una possibile chiave di lettura. Il deputato del PD Francesco Boccia lo dice apertis verbis, “non scherziamo con il fuoco perché vedo gli squali all’orizzonte”. Chiaramente Boccia non critica la magistratura tanto che spiega anche come !chi sbaglia deve pagare, ma se poi qualcuno, prendendo come pretesto l’inchiesta giudiziaria, intende fare shopping nel Sud allora la politica sana, che in Puglia esiste, non lo consentirà”. Il deputato sottolinea poi che i risparmiatori non devono farsi prendere dal panico e correre a disinvestire senza avere un quadro d’insieme, “ricordo che quando si aprì la crisi MPS subito
Maggiore sicurezza ad Orvieto è possibile con la collaborazione di tutti, a partire dai cittadini

Maggiore sicurezza ad Orvieto è possibile con la collaborazione di tutti, a partire dai cittadini

Attualità, Blog, Politica
A Orvieto esistono due livelli di sicurezza da assicurare.  Il primo riguarda quello relativo ad un eventuale attacco terroristico e ne abbiamo parlato proprio il 25 agosto anche grazie all’intervento di Ciro Zeno.  Poi c’è la sicurezza quotidiana quelle che permette ad una città di chiamarsi sicura.  Sì perché contro l’atto vile terroristico si hanno poche armi per difendersi se non ostacoli, dissuasori e controllo del territorio, mentre per la microcriminalità è fondamentale che le forze dell’ordine possano vigilare sull’intero territorio comunale.  Lo è ancor di più se tra la cittadinanza serpeggia malcontento e soprattutto paura. Orvieto sia chiaro non è Roma o Napoli o Milano ma gli episodi di criminalità spiccia iniziano ad essere troppi e soprattutto continui.  Nel passato anche
Sicurezza, prevenzione e normalità sono le tre parole d’ordine fondamentali

Sicurezza, prevenzione e normalità sono le tre parole d’ordine fondamentali

Attualità, Blog, Opinioni
La questione sicurezza irrompe anche ad Orvieto perché città turistica.  Si parla di dissuasori, paletti e ostacoli al transito di veicoli che potrebbero essere potenzialmente pericolosi per i pedoni.  Questa è la nuova tragica “moda” del terrorismo di matrice islamica che punta a colpire facendo il massimo danno con il minimo di spesa e di organizzazione logistica.  Nei mesi scorsi ci si è accorti dell’alzarsi dell’allerta per la presenza continua di militari al Duomo e alla diga di Corbara.  Improvvisamente sono sparite le camionette.  Cessato allarme, o meglio quegli stessi militari sono stati dirottati verso altri obiettivi ritenuti più sensibili di altri.  Nell’ideologia dell’estremismo islamico non bisogna dimenticare che il Duomo ha un significato particolare per la sua iconografia
Piazza del Popolo, la stella polare è far vivere il centro storico ora

Piazza del Popolo, la stella polare è far vivere il centro storico ora

Blog, Economia, Politica, Turismo
L’occasione degli auguri ferragostani è ghiotta per il sindaco.  Gli ingredienti per riaprire un dialogo con categorie produttive, residenti e cittadini ci sono tutti, ma sembra proprio mancare la volontà.  Sulla pedonalizzazione del centro storico non sembrano esserci ripensamenti.  A nulla sembrano valere le tante voci contrarie proprio di quegli operatori economici che vengono chiamati in causa a giustificare la chiusura.  Niente di niente.  Sembra esserci un muro invalicabile tra amministrazione e città.  Eppure gli esempi di compromesso sono numerosi sia in Italia che all’estero.  In una località di mare straniera la passeggiata sul porto, ad esempio, è aperta tutto il giorno, per ovvi motivi climatici, e viene chiusa alle 20 fino alle 02.  In altre città turistiche i parcheggi a paga
I capigruppo in Fondazione per ascoltare vertici e rappresentante del Comune, ma le sedute non sono pubbliche?

I capigruppo in Fondazione per ascoltare vertici e rappresentante del Comune, ma le sedute non sono pubbliche?

Blog, Politica
Il giorno 14 giugno nel pomeriggio si è tenuta la conferenza dei capigruppo con l'audizione del rappresentante del Comune in Fondazione CRO, Giampiero Rosati.  Più che un'audizione diciamo che i capigruppo si sono recati in "visita" alla Fondazione. C'è qualcosa che non funzione.  Sul sito istituzionale del Comune di Orvieto non vi è traccia di convocazione dei capigruppo anche se le riunioni sono pubbliche salvo diversa indicazione che comunque deve essere pubblicata.  Vogliamo pensare ad una dimenticanza, non di poco conto, dell'ufficio di presidenza del consiglio comunale, altrimenti potrebbe anche apparire che ci sia stata la chiara volontà di mantenere tutto nel chiuso delle segrete stanze.  Invece per l'intera vicenda che ruota intorno alle quote di CRO detenute dalla Fondazio
Sono passati 11 giorni dalla scadenza dell’ultimatum PD a Germani su TeMa e teatro. La stagione rischia grosso

Sono passati 11 giorni dalla scadenza dell’ultimatum PD a Germani su TeMa e teatro. La stagione rischia grosso

Blog, Teatro Mancinelli
Il primo giorno di luglio scadeva una sorta di ultimatum del PD per il sindaco sulla questione TeMa; in pratica si chiedeva l’allungamento a giugno della convenzione e la sospensione del bando.  Non solo lo stesso sindaco aveva promesso ai capigruppo di condividere il quesito da inviare all’Anac sempre sulla questione TeMa.  Nel frattempo c’è stata la giornata di protesta-proposta, con qualche deja vù e qualche intervento accorato, e uno scambio di mail e post social tra un rappresentante della giunta e il sindacato che sta rappresentando i lavoratori di TeMa.  Nel mezzo c’è un consiglio di amministrazione che viaggia a scartamento ultraridotto vista la scadenza al prossimo 31 agosto, e dialetticamente vivo al proprio interno.  __________________________________________________________