Animali

Esche avvelenate: il sindaco Tardani assicura l’impegno dell’Amministrazione Comunale

Esche avvelenate: il sindaco Tardani assicura l’impegno dell’Amministrazione Comunale

Ambiente, Animali, Focus1
Dopo il nuovo episodio di avvelenamento di animali con esche avvelenate, il Sindaco di Orvieto, Roberta Tardani esprime la “ferma condanna dell’amministrazione comunale per l’ignobile gesto dell’uccisione di un cane in via Pecorelli, morto dopo aver ingerito un boccone avvelenato gettato in un giardino privato”. “Soltanto un mese fa – dice il Sindaco - ci erano stati segnalati casi analoghi a Ciconia. A preoccupare sono proprio le modalità con cui sono avvenuti questi episodi considerato che le esche avvelenate vengono gettate direttamente anche negli spazi privati. Uccidere un animale, atto spregevole e intollerabile, è un reato punito dal codice penale con la reclusione da quattro mesi a due anni”. “Siamo assolutamente intenzionati a contrastare questo vergognoso fenomeno, già ogg
Bocconi avvelenati a Orvieto. Ringo non ce l’ha fatta

Bocconi avvelenati a Orvieto. Ringo non ce l’ha fatta

Ambiente, Animali, Cronaca, TopNews
"Nella notte tra il 4 e il 5 novembre 2019, è stato avvelenato a morte Ringo nel nostro giardino di via Pecorelli, nel centro storico di Orvieto." A raccontare la tragica fine di Ringo è il padrone Alberto Battistelli sui social e la notizia rimbalza di gruppo in gruppo, di profilo in profilo, raccogliendo tanti messaggi di vicinanza e altrettanti di sdegno per il gesto vergognoso compiuto da ignoti. "Al primo esame autoptico, lo stomaco ha mostrato un elevato contenuto di metaldeide, una sostanza tossica che si usa per prodotti lumachicidi. Ora è evidente che un malore occorso a Ringo all’inizio di ottobre, fosse un primo tentativo dello stesso criminale. In quel caso, era stato possibile prestare cure veterinarie risolutive. Al secondo tentativo evidentemente il criminale è stato p
Oltre 80.000 visitatori alla mostra fotografica sulle api. Il convegno 🗓

Oltre 80.000 visitatori alla mostra fotografica sulle api. Il convegno 🗓

Ambiente, Animali, Cultura, Eventi, Focus1
La mostra fotografica "Dai fiori al miele. Api, noi e il futuro del mondo" allestita nella centralissima Chiesa di San Giuseppe sta riscuotendo grandi consensi ed interesse da parte di migliaia di visitatori provenienti da ogni parte del mondo che hanno lasciato nei  numerosi registri della mostra dediche che attestano il grande interesse verso il mondo delle api e delle loro problematiche esistenziali. In visita anche molte autorità politiche, civili, militari e religiose e tantissime associazioni nazionali e internazionali a tutela delle api. L'originale percorso espositivo, ideato e curato da Maria Assunta Pioli, in occasione di "Orvieto in Fiore" sarà prorogato fino a domenica 27 ottobre. La manifestazione ha il patrocinio della Provincia di Terni, del Comune di Orvieto, del Comit
Fosso “Albergo la nona” a Sferracavallo. Divieto attingimento acqua

Fosso “Albergo la nona” a Sferracavallo. Divieto attingimento acqua

Agricoltura, Ambiente, Animali, Info Pubblica Utilità, Varie
Ordinanza sindacale di divieto di attingimento di acqua per scopi irrigui e per alimentazione animale ai proprietari di alcuni terreni prossimi ad un canale di derivazione del torrente “Fosso Albergo la nona”  Il Sindaco ha emesso una ordinanza nei confronti dei proprietari di alcuni terreni prossimi ad un canale di derivazione del “Fosso Albergo la nona” a Sferracavallo, finalizzata al divieto di attingimento di acqua per scopi irrigui e all’uso  dell’acqua per alimentazione animale, fino al rientro nei valori di legge.  Il nuovo provvedimento, emesso in data 07 agosto 2019, fa seguito alla comunicazione del Dipartimento di Prevenzione della Usl Umbria2 del 6 agosto u.s. e al sopralluogo effettuato il 7 agosto dai  tecnici del Comune di Orvieto, dai Carabinieri Forestali e
Olimpieri, “sulla riforma delle Comunità Montane, un silenzio assordante”

Olimpieri, “sulla riforma delle Comunità Montane, un silenzio assordante”

Agricoltura, Ambiente, Animali, Focus2, Politica
Sono passati ormai otto anni da quando la Regione ha dato inizio alla riforma delle Comunità Montane dell’Umbria. Una riforma che aveva previsto la costituzione dell’Agenzia Forestale ed all’interno della quale erano confluiti - dalle stesse C.M. - circa 600 unità lavorative tra operai e tecnici. La ratio della riforma si fondava sulla necessità di chiudere le Comunità Montane ma, a distanza di otto anni, la situazione è ancora drammaticamente in piedi: in questi anni le Comunità Montane, seppur depurate dal costo del personale e con entrate fresche derivanti da operazioni di vendita di importanti beni immobiliari, hanno migliorato alcuni fondamentali economico-finanziari, ma risultano avere ancora bilanci in “rosso”. Con una scelta assolutamente incomprensibile, le Istituzioni regional
Contrasto alla presenza di cinghiali ai piedi della Rupe. Programmato un intervento non cruento

Contrasto alla presenza di cinghiali ai piedi della Rupe. Programmato un intervento non cruento

Ambiente, Animali, Info Pubblica Utilità, Varie
Contrasto della presenza dei cinghiali ai Piedi della Rupe di Orvieto. Domenica 3 marzo 2019 dalle ore 06:30 alle ore 10:00 circa è programmato un intervento di prevenzione non cruento e senza abbattimento degli animali con l’utilizzo di cani • Ordinanza per l’area compresa tra la S.P. 42, dalla rotatoria della Segheria fino all’intersezione con la S.P. 12 L’avvistamento sempre più frequente di cinghiali selvatici allo stato brado ed in branchi non solo nelle aree rurali, ma anche nelle zone periferiche adiacenti il centro abitato di Orvieto, in particolar modo alle pendici della Rupe, nonché i casi di segnalazioni di danni a cose e a fondi agricoli prodotti da questi animali, hanno fatto sì che la problematica abbia raggiunto livelli di criticità elevati tali da costituire motivo di p
Odissea per le punture di vespa, orvietani costretti a recarsi a Perugia. La denuncia dello Spi CGIL

Odissea per le punture di vespa, orvietani costretti a recarsi a Perugia. La denuncia dello Spi CGIL

Ambiente, Animali, Focus1, Salute
La denuncia dello Spi di Terni: costretti a viaggi a Perugia. Chiesto all’Usl 2 di dotare l’ospedale di Orvieto del necessario per affrontare il problema Con l’avvicinarsi della bella stagione arrivano, purtroppo, anche alcune criticità. In particolare per gli anziani che, nell’Orvietano, devono fare i conti con le punture di vespa. Episodi particolarmente spiacevoli che, oltre al dolore, possono inoltre risultare piuttosto pericolosi, soprattutto per chi risulta allergico al veleno che questi insetti iniettano tramite il loro pungiglione. Oltre il danno della puntura, c’è tuttavia la beffa che le persone anziane del territorio di Orvieto devono affrontare in casi del genere. Un’odissea di disagi che non fa che arrecare una situazione già di per sé problematica. “Se si viene punti d
ASL e NAS “visitano” il canile e danno sei mesi di tempo al Comune per adeguarlo, altrimenti si chiude

ASL e NAS “visitano” il canile e danno sei mesi di tempo al Comune per adeguarlo, altrimenti si chiude

Animali, Cronaca, Top0, TopNews
Asl e Nas hanno dato sei mesi di tempo al Comune per adeguare le strutture del canile di Bardano, altrimenti si andrà alla chiusura cautelativa dell’intera struttura.  I Carabinieri del NAS e gli ispettori della ASL hanno fatto visita alla struttura di Bardano che ospita i cani abbandonati della zona ed hanno evidenziato problemi sia per i box, in particolare per la pavimentazione che per gli scarichi che non rispettano la normativa vigente.   Ora il Comune, che già era a conoscenza della situazione, ha sei mesi di tempo per adeguare la struttura alle prescrizioni degli ispettori.  Intanto sono bloccati i nuovi ingressi nel canile mentre se dopo la scadenza non verranno eseguiti i lavori sempre i due organi ispettivi procederanno alla chiusura della struttura con il trasferimento degli an
Gatti e cani in pericolo per i bocconi avvelanati ritrovati in Piazza del Popolo

Gatti e cani in pericolo per i bocconi avvelanati ritrovati in Piazza del Popolo

Animali, Città, Cronaca, Top0
Nel pomeriggio del 5 febbraio appare un messaggio poco rassicurante su facebook che recitava così, “purtroppo in questi giorni non solo le mie gatte sono state avvelenato, ma sono stati inoltre ritrovare parecchi gatti morti, con accanto i bocconi avvelenati nella zona tra piazza Vivaria e piazza del Popolo. La ASL già sta facendo di tutto per capire chi possa essere stato…”. E’ scattato subito l’allarme tra i proprietari di gatti e cani della zona che temono per i loro animali.  Scene drammatiche simili si ripetono ciclicamente in tutta Orvieto, l’estate scorsa è successo ai piedi della rupe.  Secondo le prime notizie sono almeno cinque gli animali avvelenati dai bocconi avvelenati messi in giro da mani anonime.  Gli operatori del servizio veterinario della Asl Umbria2 nei controlli sc
Popups Powered By : XYZScripts.com