Agricoltura

Massimo Gnagnarini, “adesso sarebbe in crisi anche il vino di Orvieto?”

Massimo Gnagnarini, “adesso sarebbe in crisi anche il vino di Orvieto?”

Agricoltura, Città, Economia, Focus2, Opinioni
A Orvieto, a sentire gli orvietani, è tutta una crisi: Sarebbe in crisi il turismo salvo scoprire che nel centro storico di Orvieto non c'è più una casa da affittare se non cliccando, da qualunque parte del pianeta vi troviate, sul portale di Airbnb per prenotare un alloggio vacanza, sarebbero in crisi le librerie nonostante i relativi fatturati in crescita e adesso, apprendiamo con stupore, sarebbe in crisi anche il mercato del nostro vino che, con una quota di circa lo 0,1%, concorre a quella produzione nazionale che proprio nel 2017 ha fatto registrare il record storico di vendite superando, per la prima volta, il fatturato dei cugini Vigneron nostri diretti competitori. Ammiro e ho grande rispetto per i viticoltori orvietani che nel tempo sono riusciti a industrializzare un settore
Lucio Riccetti, “il metilmercurio nel Paglia c’è e Italia Nostra vuole fare chiarezza mentre Comune e Regione ancora discutono di tavoli e focus”

Lucio Riccetti, “il metilmercurio nel Paglia c’è e Italia Nostra vuole fare chiarezza mentre Comune e Regione ancora discutono di tavoli e focus”

Agricoltura, Allerona, Ambiente, Top0, TopNews
E’ arrivata a stretto giro di posta la replica del presidente di Italia Nostra – Orvieto, Lucio Riccetti alle “precisazioni del Comune e di Alta Scuola” per quanto riguarda l’inquinamento del fiume Paglia non solo da mercurio ma, soprattutto da metilmercurio, così sostiene da tempo proprio Riccetti basandosi su dati e evidenze scientifiche pubblicate fin dal 2014. Cosa ne pensa delle dichiarazioni di Comune e Alta Scuola? Prendiamo atto del comunicato che in un classico linguaggio burocratico-politichese svolge l’unico ruolo di mettere le mani avanti su un dato di fatto che resta quello che abbiamo dichiarato più volte in passato e cioè che il Paglia deve essere considerato un fiume inquinato.  Il comunicato invece di affrontare il tema dell’inquinamento parla delle attività più o me
Cittaslow si congratula con i sindaci per il Monte Peglia nelle riserve Unesco e rilancia per l’assemblea mondiale delle città “lente” a Orvieto

Cittaslow si congratula con i sindaci per il Monte Peglia nelle riserve Unesco e rilancia per l’assemblea mondiale delle città “lente” a Orvieto

Agricoltura, Ambiente, Città, Ficulle, Focus2, OPT, Parrano, Turismo
L’associazione Cittaslow ha voluto commentare la decisione di inserire l’area del Monte Peglia all’interno delle riserve biosfere Mab-Unesco.  Sono ben tre i comuni che sono associati a Cittaslow, Orvieto, Parrano e Ficulle, su cui ricade una buona parte della riserva. Questo tipo di riserve comprendono ecosistemi integri a contatto con le comunità residenti e rispettose della biodiversità. “Le riserve promuovono attività di cooperazione scientifica, ricerca interdisciplinare e sostenibilità ambientale nel pieno coinvolgimento delle comunità locali, pertanto rappresentano esempi di best practice nell'ottica dello sviluppo sostenibile e della interazione tra sistema sociale e sistema ecologico”, scrivono da Cittaslow. "Siamo particolarmente soddisfatti del risultato ottenuto da tre terri
Agea incontra Regione e Tavolo Verde Umbria per recuperare i ritardi nei pagamenti del PSR

Agea incontra Regione e Tavolo Verde Umbria per recuperare i ritardi nei pagamenti del PSR

Agricoltura, Ambiente, Economia, Focus2
Nel settore agricolo i pagamenti provenienti dal PSR sono fondamentali per mantenere in equilibrio i conti delle aziende agricole ma da qualche tempo i pagamenti arrivano con ritardo o non arrivano.  La situazione per l’Umbria si è fatta pesante e per questo l’assessore Fernanda Cecchini ha chiesto ad Agea un incontro con i rappresentanti del settore per capire meglio tempi e prospettive.  Sempre Cecchini spiega che “i vertici di Agea verranno ad incontrare i componenti del Tavolo Verse e fare il punto sulla situazione dei mancati pagamenti delle misure del PSR e sullo stato di attivazione delle procedure di pagamento.  L’assessorato – continua il comunato – è tornato a rappresentare ad Agea il disagio della Regione e le difficoltà finanziarie causate dai ritardi accumulati nei pagament
Parco Culturale dell’Alfina, iniziano a farsi sentire i contrari e quelli che temono per i loro beni

Parco Culturale dell’Alfina, iniziano a farsi sentire i contrari e quelli che temono per i loro beni

Agricoltura, Ambiente, Attualità, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Economia, Focus1, TopNews, Turismo
In silenzio, piano piano va avanti il progetto di Parco Culturale dell’Alfina, che andrebbe a incidere nell’area che va da Sugano fino a Castel Giorgio e Castel Viscardo.  L’idea è nata da alcune decine di residenti che vogliono tutelare la zona da impianti di colture intensive.  Infatti proprio nell’area si sta piantumando una coltivazione boschiva.  Alcuni residenti temono per l’equilibrio dell’ecosistema ed allora hanno iniziato a manifestare e soprattutto a inviare esposti e appelli. Alla fine anche il Comune di Orvieto ha deciso di agire ed ha iniziato a pensare alla creazione del Parco Culturale. E’ nel Prg e, come spiegato in un comunicato del 2017, “il Parco Culturale è uno strumento utile per accrescere il livello di responsabilità, per produrre buone pratiche, nuove consapevol
Confagricoltura Umbria, nuovo direttivo con Cecci e Barberani

Confagricoltura Umbria, nuovo direttivo con Cecci e Barberani

Agricoltura, Ambiente, Economia, Focus2
È stata un’assemblea importante quella di Confagricoltura che ha visto la fine di un mandato e il rinnovo degli organi di governo. Si conclude dunque la presidenza di Marco Caprai che ha guidato la Confederazione umbra degli agricoltori per dieci anni. “Quello della mia giunta – ha commentato Caprai – è stato un lungo percorso, abbiamo iniziato nel 2007, e fatto molte cose che si riassumono nell’aver regionalizzato l’associazione, nell’averla resa strutturata, competitiva, aver dato voce agli agricoltori e una sede adeguata. Oggi l’associazione esprime la parte importante delle imprese e della superficie coltivata nella nostra regione. Ha conservato il ruolo di sindacato di impresa libero e autonomo nelle proprie scelte e nella propria determinazione”. I membri di giunta di Confagricolt
E’ emergenza idrica, la Regione vieta attingimenti da fiumi e altri bacini

E’ emergenza idrica, la Regione vieta attingimenti da fiumi e altri bacini

Agricoltura, Ambiente
La crisi idrica in tutta l’Umbria sta assumendo i caratteri di vera e propria emergenza e dopo numerosi comuni, compreso Orvieto, ora anche la Regione si è attivata con un’ordinanza che limita l’attingimento di acqua da numerosi corsi e corpi idrici regionali.  Nel comunicato ufficiale si specifica che tale ordinanza rimarrà valida fino al 30 settembre, salvo revoca da parte della stessa presidente Marini.  ___________________________________________________________________________________________________________________________________ Il divieto di attingimento riguarda “sia i titolari di concessione di derivazioni che i titolari di licenza di attingimento per uso irriguo, uso irriguo non prevalente e uso irriguo finalizzato a produzione agroenergetica, mentre le limitazioni di at
Popups Powered By : XYZScripts.com