Autore: Alessandro Maria Li Donni

Tragedia familiare a Orvieto, il padre uccide moglie e figlia e poi si suicida

Tragedia familiare a Orvieto, il padre uccide moglie e figlia e poi si suicida

Cronaca, Top0
Padre, madre e figlia sono stati ritrovati morti nella loro abitazione nella notte tra il 13 e il 14 novembre dai Carabinieri di Orvieto coordinati dal capitano Giuseppe Viviano.  Nella casa il dramma si sarebbe consumato qualche ora prima a pochi passi dalla caserma dei Carabinieri in vicolo Sant'Antonio al civico 8.  Il padre, Carlo Carletti, 67 anni, dipendente civile presso la caserma dell'Aeronautica di Orvieto ha imbracciato il fucile automatico da caccia, regolarmente registrato, aprendo il fuoco contro la moglie, Rosalba Politi 66 anni, e la figlia Cinzia 34 anni, per poi suicidarsi.  Molto probabilmente, secondo quanto stanno tentando di ricostruire gli inquirenti, l'atto è stato compiuto nel primo pomeriggio del 13 novembre ma la certezza si potrà avere soltanto dopo i risultati
Donati 650 libri al reparto di pediatria dell’ospedale di Orvieto

Donati 650 libri al reparto di pediatria dell’ospedale di Orvieto

Focus1, Salute, Sociale
Grazie all’iniziativa “Aiutaci a crescere. Regalaci un libro” promossa dalle Librerie Giunti al Punto, sono stati donati all’Unità Operativa di Pediatria del Presidio Ospedaliero “S. Maria della Stella” di Orvieto circa 650 volumi raccolti nel mese di agosto presso la libreria Giunti di Orvieto.  L’iniziativa, giunta alla nona edizione, che ha consentito di raccogliere e donare moltissimi volumi a scuole, biblioteche e ospedali di tante città italiane, ha oggi premiato la struttura di Pediatria di Orvieto coordinata dalla dottoressa Elena Neri.  Il progetto, che promuove la lettura nelle scuole e nei reparti pediatrici di tutta Italia con l’obiettivo di diffondere il piacere di leggere ad iniziare dai più piccoli, è sicuramente una grande opportunità per tutti coloro che vogliono contribui
Il Centro Studi Rodari si presenta alla città e all’Associazione Pedagogica Italiana di Fermo con la mostra “Gianni Rodari nel mondo”

Il Centro Studi Rodari si presenta alla città e all’Associazione Pedagogica Italiana di Fermo con la mostra “Gianni Rodari nel mondo”

Città, Cultura, Focus1, Mostre, TopNews
Domenica 10 novembre è stata una giornata particolare per il Centro Studi Gianni Rodari.  La mattina sono venuti ad Orvieto, proprio per visitare il Centro nei locali di via Cerretti, i rappresentanti dell’Associazione Pedagogica Italiana sezione di Fermo accompagnati dalla presidente Daniela Di Ruscio, ricevuti dal sindaco Roberta Tardani, dal presidente del consiglio comunale Umberto Garbini, da Stefano Talamoni presidente "storico" del Centro Rodari e da Maria Adelaide Ranchino, bibliotecaria esperta in gestione di biblioteche e archivi, che ha ricevuto l'incarico di gestire il centro dopo il bando dello scorso maggio. Il sindaco ha ribadito durante l'incontro l'importanza di rivitalizzare il Centro anche grazie ad iniziative come questa che sono parte di un percorso di riapertura del C
TartuFabroFest, si parte con Emanuela Aureli per tre giorni intensi di appuntamenti e sapori

TartuFabroFest, si parte con Emanuela Aureli per tre giorni intensi di appuntamenti e sapori

Area Vasta, Cultura, Enogastronomia, Eventi, Fabro, Focus1, Turismo
Venerdì pomeriggio si apre ufficialmente TartuFabroFest in compagnia della banda ufficiale della NATO, il primo appuntamento della tre giorni dedicata al tartufo e ai prodotti tipici del territorio.  L'inaugurazione in grande stile è solo il primo appuntamento del rinnovato format della mostra che Comune di Fabro e GAL Trasimento-Orvietano hanno organizzato in collaborazione con Mastrini Group.  La vera novità dell'edizione di quest'anno è la nomina di sei ambasciatori del tartufo di Fabro che riceveranno l'investitura ufficiale il 10 novembre insieme a 7 quintali d prodotti tipici e di tartufo come premio.  A condurre il premio e il festival sarà Giancarlo Magalli che presenterà gli ospiti, Roberto Giacobbo, Roberta Morise, Emanuela Aureli, Chiara Conti e Massimo Massetti. Il programma d
Asset in gestione diretta del comune? Il dibattito è aperto e anche l’assalto alla diligenza

Asset in gestione diretta del comune? Il dibattito è aperto e anche l’assalto alla diligenza

Opinioni, Top0
TeMa è praticamente al capolinea anche se all'assemblea dei soci ufficialmente non si dovrebbe parlare di liquidazione.  Ma allora cosa si potrà fare?  L'associazione è terza rispetto al Comune; lo stesso Comune è socio della stessa associazione; TeMa ha la sua sede all'interno del Teatro di proprietà del Comune; il debito superiore al milione di euro secondo il consulente tecnico specializzato in crisi d'impresa appare irreversibile salvo interventi straordinari da parte dei soci; la quota per la stagione teatrale come da convezione è stata pagata dal Comune ma la stagione non è partita e la TeMa ha inviato la proposta di stagione al Comune per l'approvazione ad ottobre dopo un primo invio a maggio.  Il sindaco ha ufficialmente richiesto la convocazione dell'assemblea dei soci proprio per
Orvieto senza rappresentanti in consiglio.  E’ colpa dei tanti candidati o del sistema e ora può diventare opportunità?

Orvieto senza rappresentanti in consiglio. E’ colpa dei tanti candidati o del sistema e ora può diventare opportunità?

Elezioni, Opinioni, Politica, Regionali 2019, Top0
Lo tsunami del centro-destra a trazione sovranista ha travolto l'Umbria, baluardo piuttosto traballante della sinistra.  Che ci fosse in atto un forte rimescolamento di forze lo si era capito in questo ultimo anno quando ad ogni tornata elettorale utile, comunali, politiche ed europee, il centro- destra ha continuato a piantare bandierine in giro per la Regione, ma  20 punti di distacco secchi probabilmente non se lo attendevano in molti.  La vittoria di Donatella Tesei era praticamente quasi assodata ma non di tali proporzioni da spazzare via mezzo secolo di potere politico regionale. A non cedere le armi nell'orvietano sono rimasti Parrano, con il sindaco e candidato Valentino Filippetti e Allerona, per il resto la Lega ha trainato il centro-destra alla vittoria schiacciante, a Orviet
TeMa, il gioco degli equivoci è tecnicamente giunto al termine. Cda, politica e soci si prendano le responsabilità

TeMa, il gioco degli equivoci è tecnicamente giunto al termine. Cda, politica e soci si prendano le responsabilità

Opinioni, Top0
Il tecnico incaricato dal Comune ha esaminato, senza influenze locali, i conti di TeMa e ha consegnato una relazione sullo stato dell'associazione e sul prossimo futuro.  Gli ultimi cinque bilanci e la situazione contabile al 31 luglio suggeriscono di non andare oltre.  Questa è l'estrema sintesi,  Sono finiti gli equivoci che in queste settimane hanno tenuto banco.  TeMa è in coma irreversibile salvo "miracoli". Il bubbone che per anni è stato curato cercando di tenerlo sotto controllo è definitivamente scoppiato con la relazione del commercialista specializzato in crisi aziendali, Francesco Angeli. Utilizziamo le sue parole, "la situazione debitoria di TeMa è tale da non apparire reversibile, salvo un evento di natura straordinaria che porti un introito finanziario sostanzioso senza c
Matteo Galli, candidato nella lista del PC, “voglio una Regione inclusiva che parla al noi e non all’io”

Matteo Galli, candidato nella lista del PC, “voglio una Regione inclusiva che parla al noi e non all’io”

Elezioni, Politica, Regionali 2019, Top0
Per la lista del PCI il candidato del territorio è Matteo Galli, 37 anni, laurea in storia e filosofia e professore di sostegno all’Ipsia di Orvieto, ha avuto sempre al centro l’impegno politico a partire dai Social Forum nei primi anni 2000.  Dal 2001 fino al 2009 è stato iscritto a Rifondazione Comunista e poi in SEL.  “Mi sono candidato per provare a mettere in rilievo una politica fatta di passione, senza retorica e sganciata da ogni forma di condizionamento”. Perché votare Matteo Galli e il PC alle prossime elezioni regionali? Perché il nostro è un progetto coraggioso che vuole ripartire dal nostro territorio e valorizzarlo in tutte le sue risorse: con un elemento imprescindibile, il ruolo pubblico deve prevalere sugli interessi e le logiche di profitto a discapito dei cittadini
Diocesi Orvieto-Todi-Bolsena verso la divisione, e se il Duomo divenisse centro aggregante?

Diocesi Orvieto-Todi-Bolsena verso la divisione, e se il Duomo divenisse centro aggregante?

Area Vasta, Attualità, Città, Top0, Tuderte, Tuscia
Si addensano sempre di più le nubi intorno al futuro della diocesi di Orvieto-Todi-Bolsena.  Anni fa si era proceduto all'unione con Todi per un primo riordino, ora sono sempre più insistenti le voci di uno spacchettamento vero e proprio della diocesi con Todi che andrà con Perugia, Orvieto con Terni e Bolsena con Viterbo.  Anche in questo caso si vuole riordinare il sistema e renderlo più agile accorpando le cosiddette sedi minori.  A fine dicembre mons. Benedetto Tuzia dovrebbe ufficializzare la fine del suo mandato per raggiunti limiti d'età e quindi l'argomento è tornato di strettissima attualità.  La domanda è dunque più che lecita, ma Orvieto è veramente minore? Rispondere a questa domanda è veramente complesso. Partiamo dalla prima particolarità che riguarda l'interregionalità di
Donatella Belcapo, Umbria Civica, “ho scelto Donatella Tesei perché ha preso un impegno preciso con il nostro territorio”

Donatella Belcapo, Umbria Civica, “ho scelto Donatella Tesei perché ha preso un impegno preciso con il nostro territorio”

Elezioni, Regionali 2019, Top0
Donatella Belcapo è stata per anni in consiglio comunale per il PD.  Dopo la chiusura della prima consiliatura Germani l'abbiamo trovata tra le file di Orvieto 19to24 con Franco Raimondo Barbabella come candidato.  Si era rotto un equilibrio, un accordo e la conferma è arrivata, un po' a sorpresa ora con la candidatura nella lista Umbria Civica in appoggio alla candidata del centro-destra Donatella Tesei.  Belcapo è piuttosto dura con il suo ex-partito, "probabilmente cosa è successo dovremmo chiederlo a chi in questi anni ha portato i cittadini a non avere più fiducia del centro sinistra. Chi, come è successo a Orvieto, ha pensato troppo alle proprie necessità e poco a quelli dei cittadini". Quando si parla di sviluppo non si può prescindere dalle infrastrutture viarie. Orvieto ha la d
Popups Powered By : XYZScripts.com