Umbria arancione dal 17 gennaio. Da domenica chiusi bar e ristoranti con solo asporto

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha deciso, l’Umbria torna in fascia arancione almeno per un settimana, molto più probabilmente due.  Il provvedimento entrerà in vigore da domenica 17 gennaio spaccando in due il week-end.  In pratica cambia molto per bar e ristoranti che domani saranno regolarmente aperti fino alle 18 mentre domenica saranno chiusi con il solo asporto e consegna a domicilio.  Con il nuovo DPCM, che invece entrerà in vigore sabato 16 gennaio, l’asporto per i bar sarà vietato sempre dopo le 18.

La didattica sarà ancora a distanza fino al prossimo 25 gennaio, data prevista del ritorno in classe al 50%, per l’ordinanza firmata dalla presidente Donatella Tesei.  Intanto in Umbria continua a marciare speditamente la campagna vaccinale, fra le prime Regioni in Italia, ma questo non è bastato per evitare il passaggio di fascia.  Vediamo cosa cambia.  Confermato il divieto di circolazione dalle 22 alle 5 per tutti, fatte salve le deroghe previste.  Ci si potrà spostare esclusivamente all’interno del proprio comune, mentre per chi risiede in quelli sotto i 5mila abitanti potrà spostarsi nel raggio di 30 Km ma non verso i capoluoghi provinciali e/o regionali.  I negozi saranno aperti ma nei week-end rimarranno chiusi outlet e centri commerciali.  La novità più rilevanti riguardano bar e ristoranti che potranno effettuare solo servizio da asporto e consegna a domicilio fino alle 22 senza limitazioni.  Ma, questa è la novità dell’ultimo DPCM appena approvato, per bar ed enoteche sarà vietata la vendita da asporto di bevande dopo le 18, una nuova ulteriore stretta per evitare assembramenti all’esterno dei locali e nei luoghi pubblici in genere.

Comments

comments

No Banner to display

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*