Tandem SpA riconsegna le chiavi del Palazzo del Popolo al Comune, si va verso le gestione diretta?

Il 19 giugno la Tandem SpA, gestore del Palazzo dei Congressi di Orvieto, aveva chiesto formalmente al Comune lo “scioglimento consensuale della convezione in essere” per il perdurare del blocco di ogni attività congressistica.  Da allora, per quanto riguarda la situazione legata alla pandemia nulla è cambiato; congressi, convegni e fiere sono ancora fermi al palo in attesa che la situazione migliori stabilmente.  Il Comune ha risposto alla missiva con la richiesta di riconsegnare le chiavi e un pagamento di circa 20 mila euro per le utenze non pagate in carico all’amministrazione.  Da lì è nato un certo tira e molla che ancora non si è concluso ma nel frattempo in data 21 dicembre c’è stata l’effettiva riconsegna delle chiavi da parte di Tadem SpA dopo un’ulteriore verifica dello stato degli interni, degli arredi, delle attrezzature del Palazzo stesso con i tecnici del Comune.

Si conclude così questa prima fase mentre la seconda rimane ancora aperta anche se l’amministrazione farà valere, probabilmente, l’escussione della fidejussione sottoscritta all’atto di firma della convenzione.  Ma la storia potrebbe non finire qui e per questo nelle prossime settimane sicuramente ci saranno ulteriori aggiornamenti.  Ora infatti, tra l’altro, il Comune torna nel pieno possesso di un altro importante e prestigioso contenitore della città, dopo il teatro Mancinelli.  In comune teatro e Palazzo hanno il blocco di ogni tipo di attività ma alla ripresa?  Chi gestirà, chi lavorerà, e soprattutto chi darà un’impronta aziendale che non faccia pesare il tutto su di un bilancio comunale che, complice sempre la crisi, potrebbe non essere “tranquillo” come quello appena archiviato.

Comments

comments

No Banner to display

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*