Hip hop. Marco Cerroni e la sua crew ai campionati mondiali a Phoenix

Questo articolo è stato letto 304 volte

C’è anche un pizzico di Orvieto al World Hip Hop Championship che si svolge in questi giorni, dal 4 al 12 agosto, negli Stati Uniti, a Phoenix (Arizona). Insieme al meglio del meglio del pianeta in materia di hip hop – alla mega competizione partecipano le crew di 52 paesi – ci sono anche sette orvietani, freschi di vittoria nell’Hip Hop International Italia che si è tenuto a fine aprile al Teatro Olimpico di Roma e dove gli orvietani capitanati da Marco Cerroni e facenti parte della SPQR Crew, si sono classificati primi nella categoria “mega-crew” accedendo di diritto alle finali mondiali negli States. Una emozione che ha spinto i ragazzi orvietani davvero sulla Luna e ancora più su, un successo, inatteso ma fortemente voluto, che ha premiato un lungo e complicato periodo passato a allenarsi, prove su prove, partendo da Orvieto per Roma, più volte a settimana.

“Sono felicissimo – racconta Marco Cerroni, il maestro, il chief-crew, l’anima e il cuore di tutto il gruppo degli orvietani – mi sento come se mi fossi laureato, sono immensamente orgoglioso per me ma soprattutto per i ragazzi che con me hanno diviso questa avventura, difficile, durissima, ma anche e soprattutto emozionante”. I ragazzi orvietani, di età compresa tra i 14 e 23 anni, e il loro maestro hanno fatto parte di una crew (gruppo) di circa trenta persone totali, la SPQR Crew che fa capo ai maestri Paolo Aloise, Moreno Mostarda e Gabriele Emili. “Nell’ottobre 2018 – spiega Cerroni – abbiamo partecipato a una audizione con questo gruppo romano e sei dei miei ragazzi sono stati inseriti come me nel gruppo. Abbiamo lavorato tutte le domeniche alle coreografie, senza sosta dalle 10 alle 18, e negli ultimi tempi prima dell’appuntamento di Roma siamo andati a allenarci con il gruppo completo moltissime volte, nel mio caso partendo per Roma dopo l’orario di lavoro (Cerroni, oltre che maestro di hip hop è tecnico informatico e neo-papà) e tornando a Orvieto la sera tardi. Abbiamo sudato, ci abbiamo messo l’anima e abbiamo vinto. E siamo felicissimi. L’aver vinto a Roma – continua Cerroni – ci ha consegnato il biglietto per le finali mondiali di Phoenix dove daremo se possibile ancora di più. Saremo accanto a crew di altissimo livello, per noi sarà un momento di grande crescita.”
Con Cerroni sono negli Usa Matteo Montenero, Samri Born, Sindi Lakaj, Fabio Biancucci, Alice Fabrizi e Sofia Corradini. “L’Hip Hop – spiega Cerroni – è uno stile di vita, una cultura, non è solo danza, lo pratico da quando avevo 18 anni e lo insegno da 10 ma è sempre importante andare avanti, formarsi e crescere; il mio sogno? Tornare negli Usa con un gruppo tutto mio”.
Monica Riccio – Il Messaggero Umbria – 7 agosto 2019

C’è anche un pizzico di Orvieto al World Hip Hop Championship che si svolge in questi giorni, dal 4 al 12 agosto, negli Stati Uniti, a Phoenix (Arizona). Insieme al meglio del meglio del pianeta in materia di hip hop – alla mega competizione partecipano le crew di 52 paesi – ci sono anche sette orvietani, freschi di vittoria nell’Hip Hop International Italia che si è tenuto a fine aprile al Teatro Olimpico di Roma e dove gli orvietani capitanati da Marco Cerroni e facenti parte della SPQR Crew, si sono classificati primi nella categoria “mega-crew” accedendo di diritto alle finali mondiali negli States. Una emozione che ha spinto i ragazzi orvietani davvero sulla Luna e ancora più su, un successo, inatteso ma fortemente voluto, che ha premiato un lungo e complicato periodo passato a allenarsi, prove su prove, partendo da Orvieto per Roma, più volte a settimana. “Sono felicissimo – racconta Marco Cerroni, il maestro, il chief-crew, l’anima e il cuore di tutto il gruppo degli orvietani – mi sento come se mi fossi laureato, sono immensamente orgoglioso per me ma soprattutto per i ragazzi che con me hanno diviso questa avventura, difficile, durissima, ma anche e soprattutto emozionante”. I ragazzi orvietani, di età compresa tra i 14 e 23 anni, e il loro maestro hanno fatto parte di una crew (gruppo) di circa trenta persone totali, la SPQR Crew che fa capo ai maestri Paolo Aloise, Moreno Mostarda e Gabriele Emili. “Nell’ottobre 2018 – spiega Cerroni – abbiamo partecipato a una audizione con questo gruppo romano e sei dei miei ragazzi sono stati inseriti come me nel gruppo. Abbiamo lavorato tutte le domeniche alle coreografie, senza sosta dalle 10 alle 18, e negli ultimi tempi prima dell’appuntamento di Roma siamo andati a allenarci con il gruppo completo moltissime volte, nel mio caso partendo per Roma dopo l’orario di lavoro (Cerroni, oltre che maestro di hip hop è tecnico informatico e neo-papà) e tornando a Orvieto la sera tardi. Abbiamo sudato, ci abbiamo messo l’anima e abbiamo vinto. E siamo felicissimi. L’aver vinto a Roma – continua Cerroni – ci ha consegnato il biglietto per le finali mondiali di Phoenix dove daremo se possibile ancora di più. Saremo accanto a crew di altissimo livello, per noi sarà un momento di grande crescita.” Con Cerroni sono negli Usa Matteo Montenero, Samri Born, Sindi Lakaj, Fabio Biancucci, Alice Fabrizi e Sofia Corradini. “L’Hip Hop – spiega Cerroni – è uno stile di vita, una cultura, non è solo danza, lo pratico da quando avevo 18 anni e lo insegno da 10 ma è sempre importante andare avanti, formarsi e crescere; il mio sogno? Tornare negli Usa con un gruppo tutto mio”. Monica Riccio – Il Messaggero Umbria – 7 agosto 2019
Leggi tutto su: OrvietoSport
Hip hop. Marco Cerroni e la sua crew ai campionati mondiali a Phoenix


Comments

comments


Popups Powered By : XYZScripts.com