La grande bellezza di Orvieto è troppo spesso ferita da vandali impuniti

Questo articolo è stato letto 340 volte

Gli episodi di puro vandalismo iniziano ad essere in crescita esponenziale nel centro storico di Orvieto.  E’ toccato al Pozzo si San Patrizio, poi al Palazzo del Capitano del Popolo e in maniera grave come una ferita profonda e dolorosa alla chiesa di San Giovenale e all’intero quartiere.  Nel mezzo non dimentichiamoci le scritte sulle porte del museo della Ceramica in via della Cava.

Sono tutti segnali che manca un videocontrollo serio almeno delle zone più sensibili della città.  Non ci si può affidare alla sola civiltà delle persone anche perché sembra evidentemente mancare, in qualche caso.  La piccola minoranza di stolti colpisce però duramente il sentimento dei tanti, della maggioranza che inerme assiste allo scempio.  Sono poche le armi a disposizione però usiamole quelle che possediamo o meglio che potremmo possedere.  C’è chi sostiene che un sistema di videosorveglianza completo abbia costi insostenibili in questo momento storico ma vogliamo calcolare i costi del restauro o della sistemazione di segnali divelti, bocchettoni dell’acqua, fontanelle, vasi, piante danneggiate da qualche incivile?  Certamente anche il sistema più completo di videosorveglianza continuerà ad avere delle falle ma sicuramente nei punti più sensibili, più preziosi, della città potrebbe essere un ottimo deterrente e soprattutto potrebbero rivelarsi una perfetta prova, la cosiddetta pistola fumante, degli autori del delitto, perché è un vero e proprio delitto contro la grande bellezza di Orvieto, del suo cuore medievale, quello che è avvenuto nella notte di sabato 11 maggio.

Disegni, scritte, bestemmie non possono essere la cifra distintiva di uno scrigno prezioso, antico, irripetibile come il quartiere medievale.  Quei segni sono una ferita profonda, grave, purulenta a cui si deve poter rispondere e soprattutto si deve prevenire e solo con la tecnologia si può provare a prevenire in alcuni casi e ad assicurare che qualcuno paghi i danni senza alcun dubbio.

Comments

comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com