Inizio campagna elettorale con lo “strappo”. Danneggiato il manifesto di Matteo Panzetta, candidato sindaco di CasaPound Italia

Questo articolo è stato letto 619 volte

La campagna elettorale inizia con il piede sbagliato.  Non è questione di appartenenza, si badi bene ma di civiltà e democrazia.  Sì, quelle democrazia che in tanti chiedono venga rispettata, che in tanti richiamano ma che poi nei fatti spesso non viene rispettata, soprattutto con chi è altro e distante dal proprio pensiero.

E’ questo il caso del danneggiamento che ha subito il manifesto pubblicitario affisso a supporto della candidatura di Matteo Panzetta a sindaco per CasaPound Italia.  Durante la notte del 4 aprile alcuni ignoti hanno strappato il manifesto affisso in via Costanzi.  In un comunicato Matteo Panzetta sottolinea, “è un ulteriore gesto di intolleranza che arriva dopo le numerosissime dichiarazioni di sfide sui sociale dei sedicenti portatori di democrazia.  Inoltre – continua Panzetta – in un banchetto informativo nel centro storico dello scorso sabato (30 marzo ndr), questi soggetti hanno provato anche a provocarci con scarsissimi risultati”.   Il candidato ha già annunciato che verrà presentata denuncia contro ignoti per danneggiamento.  In chiusura Panzetta torna ad attaccare una certa sinistra “che ha perso il contatto con la realtà dei concittadini tutti.  La nostra crescita sul territorio orvietano è un dato di fatto con il quale tutti dovranno fare i conti in queste amministrative, certi che questi gesti ci avvicinino sempre di più ad entrare in consiglio comunale e non intimoriscono minimamente”.

Comments

comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *