Torna all’UniTre “la bussola della storia”, studiare il passato per capire il presente

Questo articolo è stato letto 178 volte

Si sente ripetere spesso che conoscere il passato è necessario per preparare nel presente il futuro, giacché solo così si costruisce il nuovo senza dimenticare da dove veniamo e dunque anche chi siamo, sia come individui che come collettività. Nella realtà dei fatti però la conoscenza storica è resa sempre più marginale nel percorso scolastico e continua ad essere scarsamente praticata nel dibattito pubblico.

Eppure, mai come oggi, se non conosciamo il passato, ci è preclusa la possibilità di conoscere le ragioni e i possibili esiti degli accadimenti che si svolgono sotto i nostri occhi, e che ci appassionano o ci angosciano, a seconda dei casi o nello stesso tempo. In sostanza, trascurare la storia significa rinunciare ad una interpretazione razionale della realtà ed affidarsi a spiegazioni superficiali, improvvisate ed interessate.

Perciò, nell’intento di offrire ai propri associati un servizio di conoscenza storica documentata e rigorosa in direzione di una comprensione approfondita delle radici del presente, l’Unitre – Università delle Tre Età di Orvieto affida anche quest’anno a Franco Raimondo Barbabella il compito di tenere un corso sotto il consueto titolo “La bussola della storia” e col sottotitolo “Il passato che diventa realtà pensata del presente”, ma ampliato rispetto allo scorso anno.

Con un percorso in quattro tappe saranno infatti trattate altrettante questioni di storia che spaziano dall’età medievale a quella contemporanea:

  • Lunedi 11 marzo: “L’idea di patria dal medioevo all’età moderna fino all’esito nazionalista”
  • Lunedi 25 marzo: “Trionfo e crisi del liberalismo ottocentesco. Il lascito velenoso del Novecento”
  • Lunedi 8 aprile: “La vicenda della Repubblica di Weimar: come la democrazia può uccidere se stessa”
  • Lunedi 29 aprile: “L’Europa come antidoto agli egoismi nazionali e alla guerra: un’idea morta o più viva che mai?”

Quest’ultimo incontro sarà un dialogo a tre voci; insieme a Franco Raimondo Barbabella vi parteciperanno Giovanni Codovini, docente di storia e saggista, e Marco Sciarrini, storico.

Come si vede, si tratta di rivisitazione del passato per riflettere sul presente: un esercizio utile a tutte le età.

I primi tre incontri si terranno alla sede Unitre di Palazzo Simoncelli, in Piazza del Popolo; l’ultimo avrà luogo nell’Auditorium di Palazzo Coelli.

Per informazioni: 3387323884 (cell), uni3-orvieto@alice.it (email).

Comments

comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com