Ex caserma Piave, manifestazione di interesse della società Prelios

Questo articolo è stato letto 810 volte
Ex caserma Piave di Orvieto: pervenuta al Comune da parte di Prelios Sgr una manifestazione di interesse ai fini della definizione della possibile strategia per la valorizzazione del complesso immobiliare 
La Società Prelios, una delle principali società di gestione del risparmio, specializzata nella gestione di fondi comuni di investimento immobiliare che, attraverso 27 fondi immobiliari gestisce un patrimonio del valore di oltre 4 mld di euro (nel 2018 è stata premiata al RE Italy Winter Forum per il progetto FICO Eataly World), ha presentato al Comune di Orvieto una manifestazione di interesse per la valorizzazione del complesso immobiliare della ex caserma Piave, anche come Campus universitario in virtù del Protocollo d’Intesa sottoscritto il 6 settembre 2018 tra il Comune di Orvieto e la Association of American College and University Programs in Italy (AACUPI) relativo alla possibile destinazione del complesso ad uso didattico, culturale e formativo.
Lo ha annunciato questa mattina alla stampa, il Sindaco, Giuseppe Germani, il quale ha già scritto una lettera formale al Direttore Generale di Prelios Sgr, per individuare la data possibile di un primo incontro congiunto fra la società e la struttura amministrativa e tecnica del Comune di Orvieto al fine di intraprendere e verificare la fattibilità del percorso che la società Prelios ha individuato nella sua Pec del 21 dicembre 2018. Presenti gli Assessori Cristina Croce, Roberta Cotigni e Andrea Vincenti.
“Esprimo una prima valutazione positiva e di soddisfazione per questa notizia che è il risultato di una intensa attività svolta dall’Amministrazione Comunale sulla materia della valorizzazione del patrimonio immobiliare del Comune – ha affermato il Sindaco, Germani – attività condotta con discrezione, poco clamore ma con estrema determinazione così come ci eravamo prefissati all’inizio del mandato amministrativo”. 
“L’interlocuzione con il fondo Prelios che gestisce fondi in parte italiani in parte americani – ha aggiunto – è nata a seguito della sottoscrizione, lo scorso settembre, dell’accordo con AACUPI cui fanno capo le Università Americane intorno alle quali si muovono azioni legate alla formazione. Grazie alle loro strutture tecniche presenti in Italia, e a Roma in particolare, si sono avuti i primi contatti a cui sono seguiti due sopralluoghi del complesso ex caserma da cui è emersa questa proposta che ora entra nella fase di verifica più concreta.
Da oggi iniziamo gli atti formali e su questa materia di estrema importanza per la città terremo costantemente informati i cittadini. Stiamo lavorando per riuscire prima della fine dell’attuale mandato a portare una prima proposta al Consiglio Comunale per poi mettere a gara, a termini di legge, il progetto che verrà elaborato da Prelios con l’Amministrazione Comunale e al quale tale società di gestione del risparmio, potrà partecipare come altri concorrenti. 
I temi e i problemi da affrontare sono diversi a partire dalla nuova normativa (antisismica ad esempio) ma ci stiamo lavorando con grande impegno, ma se tutto andrà come speriamo tale lavoro ci condurrà all’inizio di un percorso di riqualificazione dell’ex Piave”.
“L’intuizione positiva della valorizzazione dell’ex caserma come Campus universitario, già prospettata dal mio predecessore, all’epoca tuttavia non aveva riscosso l’interesse da parte di fondi comuni di investimento immobiliare mediante una operazione su project financing ai sensi del Decreto legge 98/2001 che oggi invece si prospetta. 
E’ evidente – ha concluso il Sindaco – che tale prospettiva rappresenterebbe un ottimo risultato per la città perché lo sviluppo della formazione universitaria attraverso il Campus è una grande occasione di crescita per Orvieto e il territorio. E’ noto anche che, il Comune ha dichiarato l’edificio ‘Truppe’ dell’ex caserma disponibile quale sede del Tribunale Europeo Unificato dei brevetti, scelta che sarà ricompresa nella proposta di valorizzazione dell’immobile.
Immobile di cui, è mia intenzione non procedere alla vendita ma al mantenimento della proprietà in capo al Comune per gli anni che saranno necessari alla sua valorizzazione”.

Comments

comments


2 Comments

  • Gianni Mencarelli

    ma l’università a cui aveva dato vita l’ex Sindaco Cimicchi nel complesso ex Ospedale, che peraltro è costata fra affitti e lavori di ristrutturazione 2.118.166,00 € (circa) perché non è stata difesa e portata avanti? i lavori e gli affitti (sembrerebbe senza un contratto) sono andati tutti persi? Cosa significa per la città una valorizzazione di tutto il complesso e con quali costi a carico del comune? ma di questo ci sarà modo di approfondire nelle sedi opportune.

  • giosabba

    Il sindaco sarà cosciente del fatto che Prelios SpA è il braccio italiano dell’Edge Fund Davidson Kempner nord americano che tramite Lavaredo SpA sta facendo le speculazioni peggiori nel mercato immobiliare italiano e che probabilmente nel giro di pochi anni trasformerà la caserma ex-Piave in un complesso residenziale di lusso stravolgendo la realtà storico architettonica del posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com