Il Comune si dimentica del convegno “Musei d’Etruria”. Toni Concina, “è una vergogna”

Questo articolo è stato letto 303 volte
Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota di Toni Concina relativo al convegno internazionale di studi sull’archeologia etrusca che si è tenuto la scorsa settimana a Orvieto e al quale non ha partecipato alcun rappresentante del Comune.
Si è concluso qualche ora fa il XXVI Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria (organizzato come sempre dalla locale Fondazione per il Museo “Claudio Faina”), quest’anno dedicato al tema “Musei d’Etruria”. Un Convegno attesissimo ogni anno dalla comunità degli etruscologi e degli archeologi italiani e stranieri.
Previsti quest’anno, tra gli altri, gli interventi dei rappresentanti dell’Accademia dei Lincei, del Museo del Louvre, dell’Università di Vienna, dei Musei Vaticani, dell’Università Roma 3, dell’Università di Zurigo, del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, dell’Università di Milano, dell’Accademia Etrusca di Cortona, del Polo Museale dell’Emilia-Romagna, della neonata Fondazione Rovati di Milano, del Museo Archeologico Nazionale di Firenze, del Museo Civico Archeologico di Bologna, di diversi rappresentanti delle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle regioni con antichità etrusche. Da segnalare infine la presenza del Presidente e del Vice Presidente dell’Istituto Nazionale di Studi Etruschi e Italici.
Il Convegno ha avuto l’attenzione di Rai Radio 3, la maggiore testata radiofonica italiana per la cultura, e del TG 3 regionale.
Ebbene, nei tre giorni dei lavori (venerdì 14 – sabato 15 – domenica 16), l’Amministrazione Comunale di Orvieto (città etrusca per eccellenza) non si è degnata di mandare, almeno per un breve saluto di benvenuto, neanche un suo rappresentante! Non il Sindaco, non il Vice Sindaco, non l’Assessore “competente”, non il Presidente del Consiglio Comunale, non un Dirigente a caso!
 Non solo, ma in una città che non brilla certo per affollamento di iniziative culturali, l’Amministrazione Comunale ha pensato bene di patrocinare, nella stessa data e nello stesso orario dell’inaugurazione del Convegno (!), una manifestazione (per altro degnissima) di presentazione dei reperti del “Santuario federale degli Etruschi”, vanto delle attività di scavo della nostra città e non solo, creando diffusissimo sconcerto e imbarazzo. Decisione incomprensibile, inurbana e demenziale.
 Probabilmente si è ritenuto che ai fini della sempre più incombente campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale, il Convegno, se pure di livello straordinario, non meritasse né l’attenzione dei rappresentanti della città (nonostante avventate affermazioni programmatiche sul ruolo della cultura) né una minima attenzione a non far combaciare due eventi, elementare compito di qualsiasi addetto alla tenuta dell’agenda degli impegni del Comune!
 Non ci sono giustificazioni! Di nessun genere! Il forte grido di protesta, che mi permetto di inoltrare, deve essere un altrettanto forte grido di allarme verso la qualità dei progetti culturali della nostra città, per storia, tradizione e ambizioni meritevole di ben altre risposte.
Toni Concina

Comments

comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com