Stefano Olimpieri, “dopo la seconda chiama a vuoto per l’ex-ospedale, Germani smascherato”

Questo articolo è stato letto 227 volte

Per la seconda volta in sette mesi il bando per la vendita dell’ex-ospedale in piazza Duomo non ha trovato nessun aggiudicatario. Tra l’altro, mentre nella prima asta una proposta venne presentata – poi dichiarata non congrua -, nell’asta di qualche giorno fa non si è presentato nessuno. Un fallimento per il sindaco, visto che da almeno due anni – e fino a pochissime ore fa – dava per certo che la struttura sarebbe diventata una struttura alberghiera extra lusso. In sostanza, Germani ha venduto la pelle dell’orso prima di ucciderlo, a dimostrazione che non aveva nulla di concreto per l’ex-ospedale e che ciò che prometteva era tutta fuffa.

Una figuraccia senza pari che denota il pressappochismo con il quale gestisce le questioni che interessano la città. Come si fa, infatti, a parlare di albergo extra lusso – ingenerando, di conseguenza, anche legittime aspettative – in assenza di lettere di intenti o di interessamento reale da parte di soggetti privati, con allegate proposte di fattibilità. Sulla vicenda della vendita dell’ex-ospedale in questi anni abbiamo assistito al trafugamento di progetti, al divieto di sopralluogo per i consiglieri comunali, alla presa in giro di un interessamento all’acquisto da parte del Comune messo in campo fuori tempo massimo, al dimezzamento del valore di vendita del bene, unitamente ad una mancanza di protagonismo serio e costruttivo da parte del sindaco e della giunta.

Adesso che anche la seconda chiama del bando ha avuto esito negativo, è quanto mai necessario che la questione ex-ospedale venga messa in pausa perché non può essere un sindaco in scadenza di mandato a gestire una partita così importante. La città non se lo può permettere.

Comments

comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com