Carico/scarico, alcune domande sulla “condivisione” delle nuove regole e la posizione di Poste Italiane

Questo articolo è stato letto 198 volte

Salvo ripensamento il 12 novembre è la nuova linea di confine tra la normalità e la “rivoluzione” per il carico/scarico merci nel centro storico di Orvieto.  La delibera di giunta parla chiaro: via Duomo, Corso Cavour, Via della Costituente, Piazza del Popolo, Piazza del Duomo saranno off-limits salvo rare eccezioni per la pubblica utilità, il soccorso, alimentari freschi, valori e disabili.  Gli altri dovranno andare tutti con carrellini e altri strumenti di trasporto delle merci.  Poste Italiane, uno dei principali gruppi attivo nella consegna di pacchi e corrispondenza, ha preso atto della delibera che, ovviamente, non comprende il cosiddetto servizio postale universale: “non conosciamo altre realtà che abbiano utilizzato questo divieto così assoluto, almeno qui in Umbria” hanno spiegato da Poste.

piazza della Repubblica – mattina

“Certamente non parteciperemo ad eventuali incontri preventivi ma andremo a discutere nel momento in cui si dovessero presentare delle criticità nello svolgimento del lavoro di consegna e ritiro di pacchi voluminosi”.  Il problema dunque c’è ed è reale e non fantasia e voglia di far polemica da parte degli operatori economici della città.  Poste Italiane è pronta, dunque, ad affrontare il problema perché la delibera è abbastanza chiara in merito.

Resta da comprendere perché per un provvedimento così importante e dirompente, senza entrare nel merito, non sia stato condiviso con le attività, con i trasportatori e con i residenti.  Nessuno ha un’idea precisa, nessuno sa cosa effettivamente cambierà, tranne le poche certezze derivanti dalla lettura della delibera di giunta.  Poniamo alcune domande in attesa di risposta

Ma qualcuno è stato interpellato?

Come s’intende controllare in maniera puntuale il rispetto delle nuove regole?

Dove si andranno ad individuare i nuovi stalli commerciali?

Chi controllerà il corretto utilizzo degli stalli commerciali?

Quale modello di città è stato utilizzato per disegnare i nuovi criteri della ZTL?

Sono previsti cambiamenti negli orari della raccolta differenziata?

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com