Al Vetrya Corporate Campus il 28 settembre per discutere di lavoro, famiglia e valore

Questo articolo è stato letto 161 volte

La sostenibilità rappresenta sempre più un fattore critico di successo per le imprese, anche in termini di valore sul mercato, tanto da rientrare sempre più spesso tra i parametri di valutazione delle performance finanziarie delle compagnie mondiali. Basti pensare al Dow Jones Sustainability World Index, che lo scorso 13 settembre ha rilasciato come di consueto i risultati annuali della sua classifica, composta da 2500 imprese.  

Ma cosa significa concretamente sostenibilità? I temi in gioco sono tanti: da quello ambientale a quello culturale, dalla produzione alla gestione HR, tutti accomunati da un fil rouge: la consapevolezza del valore delle risorse, tanto naturali quanto umane, e quindi la necessità di costruire con esse un rapporto positivo che miri a esaltare il potenziale delle persone, del territorio e di tutto l’ecosistema in cui l’azienda è inserita.   In particolare, nell’ambito Human Resources, le sfide della diversità e dell’inclusione, del work-life balance e dello sviluppo delle soft skill sono ormai all’ordine del giorno: a questi aspetti si è dedicata in particolare Great Place to Work, società di studio e analisi del clima organizzativo, che ogni anno pubblica la classifica dei Best Workplaces in Italia: tra questi spicca ormai costantemente il nome di Vetrya, gruppo multinazionale quotato all’AIM, che ha fatto della sostenibilità e della valorizzazione delle persone il suo punto di forza.   Tra i fattori che influenzano decisamente il clima aziendale rientra la conciliazione tra famiglia e lavoro, soprattutto nel delicato momento del rientro dal congedo parentale per i neogenitori: i dati Eurostat mostrano un numero costantemente alto di donne che perdono il lavoro dopo la nascita del primo figlio, e in Italia il tasso di occupazione delle donne con un figlio è più basso di quello delle donne senza figli, in particolare al sud. Ecco allora che l’idea di MAAM, programma di valorizzazione del potenziale formativo dell’esperienza genitoriale, è quella di trasformare maternità e paternità in un vero e proprio “master”, portando valore all’azienda sia a livello economico che gestionale.

Per discutere di questi temi, il 28 settembre presso il Vetrya Corporate Campus Vetrya e MAAM, promuovono un incontro rivolto ai professionisti delle risorse umane, del welfare e della formazione, con la partecipazione di Great Place to Work, per parlare di persone e approcci innovativi per il loro ingaggio e la loro valorizzazione in un’impresa “ecologica”.

Interverranno:

  • Katia Sagrafena, co-founder e direttore generale Vetrya
  • Riccarda Zezza, CEO di LVB e co-autrice di MAAM, La maternità è un master
  • Alessandro Zollo, CEO di Great Place di Work
  • Tiziana Buonfiglio, Amministratrice Delegata di Umbra Acque
  • Virgilio Becucci, Manager e autore del libro “Il manager plug & play”

Cristina Croce, assessore alle pari opportunità del comune di Orvieto

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com