Servono i carotaggi in discarica per sapere se ci sono contaminazioni, lo ha chiesto ufficialmente Lucio Riccetti di Italia Nostra – Orvieto

Questo articolo è stato letto 434 volte

Il presidente di Italia Nostra – sezione di Orvieto lo aveva annunciato in una conferenza stampa con l’avvocato Valeria Passeri.  “Chiederemo ufficialmente che vengano eseguiti dei carotaggi nella discarica di Orvieto per conoscere lo stato dell’arte e sapere se c’è contaminazione del suolo e delle falde acquifere”. 

Ora è arrivata la comunicazione ufficiale e Italia Nostra ha chiesto che a eseguire le ispezioni geologiche siano una Università non umbra così da assicurare la massima imparzialità, neutralità e correttezza nell’indagine.  Nella lettera inviata al Ministero Italia Nostra ha spiegato che si è giunti a tale richiesta ufficiale perché sono state “inutili le plurime istanze in tal senso formulate da associazioni e gruppi politici a Regione e Arpa, assumendo il pretesto della carenza di fondi quando, trattasi di un atto vincolato, stante l’inviolabile diritto alla protezione dell’ambiente e della salute, che non abbisognerebbe neppure di istanza da parte del quisque de populo.  Nulla è stato fatto, nonostante per molti anni siano stati conferiti materiali tossici in discarica, soprattutto quelli pervenuti dalla Campania sin dal 2001 e stoccati nel primo calanco, tanto che si ebbe un procedimento penale poi estintosi nel 2009 per prescrizione dei reati”. 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com