Nonostante il divieto, traffico pesante sempre a Orvieto Scalo

Questo articolo è stato letto 485 volte

Riceviamo e pubblichiamo

ll Comitato “No traffico pesante a Orvieto Scalo”, in considerazione del numero di veicoli
pesanti che ancora attraversano il centro abitato, con direzione di marcia Sferracavallo-
Orvieto Scalo, nonostante il divieto di transito disposto, da circa un anno, ha dato il via a
una serie di iniziative volte a accertare i motivi di tale anomalo transito.

Già nei mesi scorsi, il predetto Comitato, aveva chiesto espressamente alle Autorità preposte
al rilevamento ed accertamento delle infrazioni stradali, un’attività più incisiva volta a far
rispettare il noto divieto di transito per mezzi di portata superiore a 50 q.li, con direzione
Sferracavallo-Orvieto Scalo con conseguente repressione delle infrazioni che, da qualche
tempo, in numero sempre maggiore, si verificano, sin dalle prime ore del mattino.
Tale richiesta veniva avanzata nella consapevolezza che la ripresa del flusso dei mezzi
pesanti in senso vietato, possa finire per vanificare le finalità per le quali era stato adottato
il predetto provvedimento sulla viabilità, ossia ridistribuire il traffico pesante nella zona e
contenere l’inquinamento acustico e dell’aria in Orvieto Scalo, come accertato da Arpa
Umbria nei mesi scorsi.

A seguito dei numerosi transiti, il Comitato cittadino ha poi avanzato richiesta di conoscere
il numero delle infrazioni, accertate e sanzionate, del suddetto divieto di transito dalla data
di entrata in vigore del provvedimento istitutivo e l’esistenza di eventuali ulteriori deroghe
comunali oltre a quelle previste nel provvedimento della Provincia di Terni, riguardanti i
mezzi di soccorso, di Polizia e agli autobus urbani e extraurbani.
Non appena raccolti i dati di cui sopra, il Comitato procederà ad ulteriori iniziative legali,
volte al rispetto del noto divieto di transito.-

Si accoglie con soddisfazione, infine, la notizia recentemente pubblicata nei giorni scorsi,
relativa allo stanziamento, da parte della Regione Umbria, dei fondi necessari per la
realizzazione del secondo stralcio della Complanare.
Il Comitato “No traffico pesante a Orvieto Scalo”, già nel mese di aprile del corrente anno,
aveva avanzato formale richiesta, alla Presidente della Regione Umbria e all’Assessore
Regionale alle Infrastrutture e trasporti, di dare ulteriore impulso alla procedura di
completamento della cd.“Complanare”, unica opera che consentirebbe una reale riduzione
del traffico, specie quello pesante, nei centri abitati di Sferracavallo e Orvieto Scalo.-
Si vigilerà affinché si addivenga alla realizzazione del secondo tratto della Complanare in
tempi accettabili e, a tal fine, il Comitato è disponibile a svolgere la propria attività di
concerto con gli abitanti di Sferracavallo, ai quali il Comitato rivolge esplicito invito a unire
le forze, al fine di riuscire a ottenere tale opera e evitare che rimanga un mero intento.-

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com