Giovedì 28 a Palazzo Coelli si parla di Aldo Moro per la presentazione del libro di Giuseppe Fioroni e Maria Antonietta Calabrò

Questo articolo è stato letto 145 volte

Giovedì 28 alle 17,30 all’auditorium di Palazzo Coelli verrà presentato il libro scritto a quattro mani da Giuseppe Fioroni e da Antonietta Calabrò dal titolo “Moro, il caso non è chiuso. La verità non detta” edito da Edizioni Lindau.  Giuseppe Fioroni, deputato e presidente della seconda commissione Parlamentare d’inchiesta sul rapimento e l’uccisione di Aldo Moro nella scorsa legislatura, e Maria Antonietta Calabrò, giornalista del Corriere della Sera, hanno lavorato quattro anni districandosi tra i documenti desecretati dagli archivi dei servizi segreti, nuove testimonianze, prove della Polizia Scientifica e RIS dei Carabinieri che hanno rivelato nuovi e sorprendenti elementi sul rapimento e la morte di Aldo Moro.

La presentazione è stata organizzata dal Club per l’Unesco Viterbo Tuscia, in collaborazione con Associazione TeMa, il quotidiano orvietonews.it e con il patrocinio del Comune di Orvieto. Fioroni e Calabrò hanno scritto, “quella che abbiamo saputo sul sequestro e l’assassinio di Aldo Moro è stata finora una verità ritagliata, un abito costruito su misura che ha tenuto fuori dal perimetro politico-giudiziario verità troppo grandi”.  L’incontro sarà moderato dal presidente del Club Unesco Luciano Dottarelli e vedrà la presenza di Giuseppe Fioroni, Antonella Gregori, Emanuela Leonardi e Angelica Ridolfi.  E’ un appuntamento interessante per conoscere i risultati della Commissione Parlamentare d’inchiesta.  Durante gli anni di lavoro sono stati ricostruiti i momenti dell’agguato e della strage di Via Fani, la prigionia dello statista democristiano e il suo efferato omicidio.

Ancora oggi rimangono aperti molti interrogativi su quella che in codice è stata “l’Operazione Fritz” cioè il rapimento di Aldo Moro da parte delle BR e il libro punta proprio a dare delle risposte più complete e nuove su alcuni fondamentali punti di quella pagina tragica della storia recente dell’Italia democratica.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com