Neonatologi e pediatri italiani a convegno al Palazzo del Capitano del Popolo il 2 e 3 febbraio

Questo articolo è stato letto 342 volte

Il 2 e 3 febbraio al Palazzo dei Congressi di piazza del Popolo si terrà il primo congresso sulle nove prospettive in neonatologia e pediatria promosso  dalla  unità  operativa  complessa  di  Pediatria  e  Neonatologia  dell’ospedale  “Santa  Maria della Stella” di Orvieto  Nel corso delle varie sessioni verranno trattati temi attuali come quello dell’Infettivologia neonatale e delle vaccinazioni, argomento di estrema attualità.

Si discuterà anche di rianimazione  in  sala  parto,  secondo  le  nuove  linee guida indicate dal gruppo di studio di rianimazione neonatale della Società Italiana di Neonatologia. Tale argomento verrà svolto dal dottor Trevisanuto, direttore della terapia intensiva neonatale dell’Università di Padova e autorevole esponente del gruppo di studio internazionale deputato alla stesura delle linee guida di rianimazione neonatale.  Un  ampio  spazio  sarà  dedicato anche allo screening metabolico in epoca neonatale ed alla cardiologia pediatrica, con particolare riferimento alla diagnostica prenatale.

La  problematica  dell’allattamento,  infine,  consente  l’integrazione  dei  due  ambiti  in  cui  si  articola l’assistenza al neonato: l’ospedale e il territorio, rappresentato dal pediatra di famiglia e dalle figure professionali impiegate nelle strutture a tutela della salute del bambino. L’evento si esplica secondo un modello di formazione in cui l’approccio di tipo deduttivo ai contenuti dell’aggiornamento, rappresentato da letture magistrali, lezioni frontali e dibattiti, utilizzato per la parte propedeutico-teorica del corso, viene integrato con l’utilizzo di metodiche di problem solving come la discussione in plenaria, e di problem based learning, basato sull’aspetto collaborativo e relazionale.

L’evento  intende  rivolgersi  ad  un  pubblico  ampio,  focalizzando  l’interesse  di  ginecologi,  neonatologi, pediatri, anestesisti, infermieri, ostetriche e puericultrici.   Lo  scopo  dell’evento  è  quello  di  perseguire  il  perfezionamento  della  preparazione  professionale  e culturale di queste figure professionali, che è una delle condizioni più importanti ai fini del miglioramento della prognosi in epoca pediatrica e neonatale.   Con la dimissione dal reparto di degenza non finiscono i problemi dell’assistenza al neonato, che deve essere  seguito  dagli  operatori  del  territorio,  senza  perdere  il  contatto  con  l’ospedale,  che  rimane  il punto di riferimento essenziale per la multidisciplinarietà delle varie competenze.

L’attuale  tendenza  alla  riduzione  della  degenza  ospedaliera  ha  accresciuto  l’importanza  della successiva  presa  in  carico  del  neonato  da  parte  del  territorio  le  cui  figure  devono  possedere necessariamente un’adeguata preparazione sia nell’assistenza neonatale, che nei programmi di follow-up.  Da sottolineare nella prima giornata un ampio spazio dedicato ai giovani ricercatori ai quali verrà data la  possibilità di relazionare sugli argomenti che rappresentano l’oggetto dei loro studi. La commissione scientifica valuterà con attenzione i lavori presentati e ne premierà i migliori

L’evento è realizzato con il Patrocinio della Società Italiana di Neonatologia (SIN) e con il patrocinio della Società Italiana di Pediatria (SIP).

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com