Ficulle, allarme furti. Sindaco annuncia videosorveglianza e collaborazione forze dell’ordine

Questo articolo è stato letto 485 volte

Il sindaco di Ficulle ha parlato del tema della sicurezza contro i furti in occasione della visita del nuovo comandante della compagnia dei carabinieri di Orvieto, tenente Giuseppe Viviano, alla presenza del vicesindaco e comandante della stazione carabinieri, maresciallo Calabrese. Il sindaco ha affermato che l’ultimo denunciato nel mese di dicembre fa crescere il bilancio dei furti avvenuti nel 2017. Con essi si evidenzia la fragilità di due zone in particolare, destinate rispettivamente a residenzialità e attività commerciali, che sono state più volte prese di mira nel corso dell’anno. “Si tratta – afferma il sindaco – di fenomeni gravi per l’economia del territorio e la sicurezza dei cittadini, che vanno contrastati e disincentivati in ogni modo. E’ emblematico che nella legge nazionale cosiddetta ‘salva borghi’, varata a settembre, il tema della sicurezza dei piccoli centri non abbia attenzione. Nell’immaginario collettivo i borghi sono oasi di pace e tranquillità, in cui il problema sicurezza sembra non emergere come prioritario. Purtroppo la realtà dei fatti richiama una situazione diversa, con i borghi sempre più spesso presi di mira da ondate di furti per lo più notturni nelle abitazioni private o nelle aziende locali. L’auto tutela dei singoli è certamente importante, ma la sicurezza dei borghi non può essere lasciata alle iniziative dei privati che istallano telecamere e allarmi. E’ necessaria una risposta sistemica, di territorio, che veda in prima linea le amministrazioni pubbliche in sinergia con forze dell’ordine e i privati”. Il primo cittadino ha ricordato, inoltre, che a Ficulle la collaborazione tra amministrazione comunale e forze dell’ordine in tema sicurezza è già una realtà. Nell’ultimo anno, infatti, è stato avviato un progetto congiunto per la sicurezza del borgo che ha portato all’individuazione di diversi autori di furti e alla progettazione di un sistema di videosorveglianza per la riduzione dei fenomeni di vandalismo, microcriminalità e abbandono dei rifiuti. Il progetto dell’impianto di videosorveglianza è stato recentemente sottoposto all’attenzione della Regione Umbria per essere finanziato; l’amministrazione comunale è in attesa degli esiti dell’istruttoria.
Il sindaco ha chiuso con l’augurio che il progetto possa essere cofinanziato dalla Regione e realizzato in tempi brevi, sottolineando che l’amministrazione è comunque determinata ad attuarlo in ogni caso, estendendolo anche ad altre zone periferiche come quella di San Lazzaro e a sollecitare tutte le autorità e le istituzioni competenti affinché la sicurezza dei piccoli borghi sia per tutti un tema cruciale dell’agenda 2018.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com