Trasloca il Wine Show. La terza edizione saluta Orvieto e si sposta a Todi

Questo articolo è stato letto 287 volte

Il 9 e 10 giugno la città di Jacopone ospiterà l’evento enogastronomico. Alberto Crispo: “Una nuova sfida in una location meravigliosa, faremo di Todi la città più bevibile del Mondo”. Ranchicchio: “Importanti ricadute per il turismo”

Dalla Rupe al Colle, lo spettacolo nel bicchiere continua. Si terrà a Todi il 9 e 10 giugno la terza edizione di Wine Show, l’evento enogastronomico dedicato a esperti e appassionati di vino che mette in mostra cantine e produttori provenienti da tutta Italia.

Tante le novità in programma per l’edizione 2018 che saranno rese note nelle prossime settimane ma la più significativa è sicuramente la scelta della sede della manifestazione. Dopo le prime due fortunate edizioni realizzate a Orvieto, Wine Show trasloca nella città di Jacopone, nel cuore dell’Umbria più vera. Ad ospitare la mostra mercato e le degustazioni saranno la Sala delle Pietre di Palazzo del Popolo, la sala del consiglio comunale del Palazzo del Capitano, e i prestigiosi spazi di Palazzo del Vignola.

“Una nuova stimolante sfida – afferma l’organizzatore della manifestazione, Alberto Crispo – una location meravigliosa che ci consentirà una volta ancora di abbinare le eccellenze enogastronomiche alla promozione del territorio e quindi di esaltare il messaggio della manifestazione, ovvero che un vino diventa memorabile non solo per la sua qualità ma anche dove e con chi viene degustato. Un concetto riassunto nello slogan BeWine che è anche l’hashtag che accompagna la comunicazione dell’evento sui social network. Ringraziamo la città e il Comune di Todi per l’accoglienza e la disponibilità che vorremmo ricambiare facendo quello che ci riesce meglio, lavorare in sinergia con associazioni e operatori locali. Riteniamo che il Wine Show possa rappresentare anche l’occasione giusta per rilanciare la Doc di Todi e lo faremo attraverso iniziative dedicate e degustazioni guidate da importanti sommelier. Il sindaco Antonino Ruggiano e la sua amministrazione, a partire dall’assessore Claudio Ranchicchio, hanno sin da subito sposato il progetto convinti come noi che la valorizzazione delle importanti produzioni del territorio non possa che passare attraverso il confronto con altre realtà italiane per esaltarne le unicità. Se Todi è stata ritenuta la città più vivibile del Mondo – conclude – nel weekend di Wine Show cercheremo di farne la città più… bevibile del Mondo!”.

“La città di Todi – commenta l’assessore al Turismo, Claudio Ranchicchio – è entusiasta di poter essere la sede prestigiosa di un grande evento legato all’enogastronomia e in particolare al mondo del vino. Wine Show Todi si prefigge di diventare una delle manifestazioni di punta del settore enologico umbro e nazionale, attraverso un programma di alto livello, che vedrà la partecipazione di 100 cantine e oltre 700 etichette. L’amministrazione comunale ha intenzione di sostenere al meglio la manifestazione dal punto di vista logistico, dal punto di vista promozionale e da quello economico, programmandone insieme agli organizzatori e alle principali associazioni di sommelier, un futuro di crescita e sviluppo, con positive ricadute per il turismo del nostro territorio”.

 

 

 

Comments

comments

One Comment

  • Sergio

    Complimenti ai ragazzi che hanno ben lavorato e meritano di veder realizzato il loro progetto. Questo deve insegnarci che bisogna andare avanti comunque nonostante gli ostacoli e soprattutto a dispetto di una amministrazione che definire miope è poco.
    Di Orvieto rimane solo uno scheletro, bello quanto volete ma ormai senza anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *