Consigli svolti, Commissioni, Attività. Bilancio 2017 della presidenza del consiglio comunale

Questo articolo è stato letto 328 volte
Il Consiglio Comunale traccia il bilancio dell’attività 2017 
• Il Presidente, Angelo Pettinacci ha illustrato il lavoro svolto dalle Commissioni e dall’Assemblea anticipando i temi all’attenzione del Consiglio nel 2018: osservazioni alle varianti al PRG; bilancio consuntivo 2017, bilancio preventivo 2018, DUP / Documento Unico di Programmazione 2018/2020; parziale modifica del Regolamento del Consiglio Comunale 
Si è volta giovedì 11 gennaio, in Comune, la tradizionale conferenza stampa che all’inizio di ogni anno vede la presidenza del Consiglio Comunale tracciare, nel dettaglio, un Bilancio dell’attività dell’Assise Civica e delle Commissioni Consiliari nel 2017. A presentare un anno di lavoro il presidente del consiglio comunale Angelo Pettinacci.
“Nell’accingermi a preparare questo gradito incontro annuale con la stampa per tracciare il bilancio dell’attività del Consiglio Comunale nel 2017 – ha esordito il Presidente, Angelo Pettinacci – mi sono riletto la dichiarazioni degli ultimi due anni, che iniziavano purtroppo e sempre con ‘pensieri di vicinanza e solidarietà da parte mia e di tutto il consiglio comunale verso le vittime ed i familiari dei vili atti di terrorismo che erano avventi a cavallo delle festività Natalizie del 2015 (giornale Charlie Ebdo, ipermercato Koscher a Port de Vincennes, in Nigeria per mano di Boco Haram) e del 2016 sempre a Parigi, Istanbul, Bagdad, alle donne la notte di San Silvestro a Colonia’.
La buona  notizia – se così vogliamo chiamarla – è che in questa conferenza stampa non dobbiamo ripartire da  nuovi tragici atti di terrorismo nel nostro Paese, in Europa o in altre parti del mondo.
E’ invece volontà mia e del Consiglio Comunale tutto di non esimerci dal ricordare i tragici eventi del terremoto del 24 agosto 2016 che hanno colpito e sconvolto la nostra Città, la nostra Regione e le città delle regioni confinanti di Marche e Lazio perché a 18 mesi dal terremoto resta ancora molto da fare in quelle terre martoriate ed è il secondo inverno che si troveranno ad affrontare in modo ancora molto disagiato. In particolare è mia intenzione dedicare un momento della nostra conferenza stampa alle famiglie di due nostri cari concittadini, Matteo e Barbara che in quel 24 agosto hanno perduto la vita.
I Consiglieri sono stati sempre attenti a tutte le iniziative che l’associazione ‘3.36’, a loro dedicata, ha messo in atto nel 2017 e sicuramente non mancheremo di sostenerle e restare a disposizione per tutto ciò che vorranno proporre anche per questo anno e per il futuro.
Anche per questo anno di presidenza vorrei innanzitutto ringraziare, tutti i Consiglieri per la correttezza sempre dimostrata nel corso dei lavori d’aula sin qui svolti. Un ringraziamento al personale Comunale addetto, alla segreteria del Consiglio Comunale e della Giunta con cui ho il piacere di collaborare quotidianamente. Ringraziamenti che estendo a tutto il Personale in primis gli uffici di assistenza agli organi istituzionali e a tutti i dipendenti comunali che continuano a dimostrarsi – quando da me chiamati in causa – sempre professionali e disponibili. Un ringraziamento alla Segretaria Comunale, Dott.ssa Maria Perali e ai dirigenti comunali per essersi dimostrati sempre disponibili, senza mai lesinare consigli e consulenze, quando loro richieste. Grazie, infine e naturalmente ai giornalisti, per aver accettato l’invito ed essere presenti all’incontro odierno e per l’importante e costante lavoro svolto quotidianamente nell’interesse della comunità che vogliamo sempre più informata. 
In questa quarta conferenza stampa di mia competenza dove ci troveremo ad analizzare l’esercizio 2017, tenterò – come sempre – di effettuare un’analisi quantitativa degli atti prodotti, per poi soffermermi sugli atti più importanti che il Consiglio Comunale ha dibattuto ed infine sulle attività che il Consiglio dovrà portare a sintesi e deliberare almeno nella prima parte del 2018.
Nel 2017 si sono svolti 18 Consigli Comunali, 14 Ordinari e 4 cosiddetti ‘Aperti’. 
Sono stati adottati 57 atti deliberativi, complessivamente sono state 55 le interpellanze e le interrogazioni (in linea con quelle del 2016); 22 in tutto le mozioni e gli ordini del giorno, per un totale di 138 atti esaminati dal Consiglio.
Le Commissioni Permanenti si sono riunite: la Commissione Capigruppo 12 volte anche per audizioni come quelle con il: Presidente dell’Associazione Te.Ma; il Presidente della Scuola di Musica ‘Adriano Casasole’; con i rappresentanti Sindacali dei lavoratori e lavoratrici sempre dell’Associazione Te.Ma; poi (in trasferta) presso la Fondazione CRO riguardo la vicenda – ancora oggi attualissima – della proprietà e governance della banca locale CRO; ed infine con l’audizione del Presidente dell’Associazione ‘Lea Pacini’ dove abbiamo iniziato ad affrontare insieme le problematiche del Corteo Storico del Corpus Domini. 
La II^ commissione si è riunita 11 volte; nel 2017 invece non si mai riunita la Commissione di controllo e garanzia. 
La commissione temporanea di studio (presieduta dalla consigliera Mescolini) sull’ambiente e rifiuti si è riunita 4 volte. 
La Sala Consigliare, infine, è stata messa a disposizione della città per 63 iniziative (in linea con le richieste e gli utilizzi dei due anni precedenti).
L’attività del Consiglio nel 2017, come peraltro fatto nel 2016, ha evaso tutte pratiche presentate non trascinando al 2018 alcuna pratica”
“I numeri appena esposti – ha proseguito – mi ispirano una riflessione: a volte i numeri dicono tutto, a volte non ci dicono nulla. Ci parlano di quantità ma poco di qualità. Sicuramente però, nel nostro caso, ci dicono che questo Consiglio Comunale ha lavorato molto su molti atti producendo molte ore di discussione dove maggioranza e minoranze si sono confrontate, a volte scontrate, ma sempre lavorando nell’interesse della città.
Esempio principe della dialettica e del confronto – e qui passo ad una sintetica analisi degli atti discussi – è il bilancio comunale. Un piano di riequilibrio finanziario pluriennale che la fa sempre da padrone nelle discussioni e che, dico io, finalmente dal 1° gennaio 2018 ci lasciamo alle spalle.
Altro argomento caldo ed atteso da anni dalla città era quello dell’esame delle varianti al Piano Regolatore Generale, con particolare attenzione alla riqualificazione dell’abitato del quartiere della Svolta. Atto che è stato portato in consiglio il 28 luglio ed approvato nella sua prima stesura ed ora – entro il primo trimestre – concluse le osservazioni, sarà definitivamente ripresentato in consiglio per renderlo operativo.
Un’altra riflessione desidero farla sui quattro consigli comunali ‘aperti’ che sono stati svolti nel 2017 tutti riguardanti argomenti di forte impatto per la città e sui quali sia l’Amministrazione che il Consiglio tutto, pongono e porranno la massima attenzione:
– il primo ha riguardo il trattamento dei rifiuti  ed in particolare riguardo il futuro della discarica ‘Le Crete’;
– il secondo sulle azioni da intraprendere e da poter mettere in campo per sollecitare la ripresa del centro storico della nostra città;
– il terzo riguardo la ‘proprietà e Governance’ della Cassa di Risparmio di Orvieto Spa;
– il quarto in merito alle problematiche che affliggono la Sanità locale.
Argomenti che a vario titolo interesseranno e dovranno interessare anche nel 2018 i Consiglieri Comunali, il Sindaco, la Giunta, la Città di Orvieto ed il Comprensorio tutto e, ovviamente, la nostra Regione.
Riguardo i lavori che il Consiglio dovrà affrontare nella prima parte del 2018 vorrei soffermarmi su 4 punti:
– l’esame delle osservazioni alle varianti al P.R.G.;
– l’esame e l’approvazione del bilancio consuntivo 2017, 
– l’esame e l’approvazione del bilancio preventivo 2018, il Documento Unico di Programmazione (DUP) 2018/2020;
– la modifica tecnica, anche se parziale, al Regolamento del Consiglio Comunale di cui si avverte la necessità per rendere più snella l’attività consiliare, ma anche per studiare un regolamento ‘ad hoc’ dei Consigli di Zona che intendiamo riorganizzare pensando anche a degli accorpamenti per territorio e ad una assemblea generale tra gli stessi, nonché per creare una migliore relazione tra i Consigli di Zona e il Consiglio Comunale. Tutto questo è in fase di studio in Commissione Capigruppo”.
____________________
Le domande dei giornalisti:
D. Se e quando ci saranno le dirette streaming dei Consigli Comunali e delle Commissioni? Sulla questione rifiuti, le diffide degli “Amici della Terra” hanno raggiunto tutti i Consiglieri? E’ possibile chiarire le modalità di gestione dei Consiglio Comunali “aperti”
R. Presidente, Pettinacci“dal punto di vista tecnico e con limitati investimenti è possibile fare le dirette streaming dei Consigli Comunali sicuramente, dopo l’approvazione di un regolamento, al fine di uniformare il comportamento dei consiglieri e degli uffici preposti rispetto alle normative vigenti in materia di informazione e privacy. Affronteremo anche questi aspetti quanto prima in Commissione Capigruppo. Per le dirette streaming delle Commissioni dovremo verificare anche altri aspetti di natura logistica degli spazi comunali.
Riguardo la lettera, cosiddetta di diffida da parte dell’Associazione ‘Amici della Terra’, questa è arrivata alla Presidenza del Consiglio Comunale in data 29 dicembre 2017 ed è stata da me inoltrata ai consiglieri, la questione sarà affrontata nella prossima riunione della Commissione Capigruppo convocata per lunedì 15 gennaio dove discuteremo anche l’agenda dei prossimi Consigli Comunali e le modifiche al Regolamento e allo Statuto.  
Quanto al Consiglio Comunale ‘aperto’ questo è previsto e disciplinato dall’art. 57 del Regolamento del consiglio. E’ aperto in quanto vi partecipano soggetti diversi dai consiglieri comunali che hanno ruoli e titolo rispetto alle tematiche oggetto di tali consigli, altra cosa sono invece le assemblee pubbliche indette dal Sindaco del Comune a cui tutti possono partecipare e intervenire”. 
D. La Commissione Capigruppo esaminerà solo la lettera degli “Amici Terra” o anche la convocazione di un Consiglio Comunale dove si tratterà l’argomento rifiuti?
R. Presidente, Pettinacci“come già detto la Commissione capigruppo era già prevista per la programmazione dei primi consigli dell’anno, poi essendo arrivata anche la lettera degli ‘Amici Terra’ discuteremo anche questo aspetto. Allo stato attuale non è previsto nessun consiglio comunale in quanto ad oggi non mi sono ancora pervenute proposte di atti da iscrivere all’ordine del giorno. 
L’atto su cui il Consiglio Comunale si è finora espresso è il n. 107 del 17 novembre 2014 – una mozione del PD emendata nel dispositivo e votata all’unanimità dal Consiglio – in cui si deliberava di ‘impegnare il Sindaco e la Giunta a porre in atto tutte le misure e gli atti che si renderanno necessari a scongiurare ogni e qualsiasi ampliamento della discarica esistente in località ‘le Crete’, ovviamente incluso il cosiddetto terzo calanco’. Tale atto è una pietra miliare ‘politica’ del Consiglio. 
Inoltre, piace ricordare che il Consiglio Comunale, riguardo al tema ‘Ambiente’ con la delibera n. 98 del 28 settembre 2015 ha lanciato all’Amministrazione un ulteriore importante stimolo per intraprendere, insieme agli altri Sindaci del Comprensorio, lo studio di un ‘Piano energetico territoriale per le energie rinnovabili’, ovvero una sorta di piano regolatore dell’energia e dei rifiuti del comprensorio da elaborarsi nel contesto dell’Area Interna Sud Ovest Orvietano”.
_____________________________________
L’attività complessiva del Consiglio Comunale è riassunta nell’allegata scheda.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com