Orvieto per Tutti, cambia l’anno, cambia il calendario della raccolta dei rifiuti ma i problemi rimangono

Questo articolo è stato letto 593 volte

Con l’anno nuovo, sono entrati in vigore i nuovi calendari della raccolta differenziata. Come è ormai prassi, nonostante nell’estate del 2016 fu consegnata al sindaco del Comune di Orvieto, tra le altre, una proposta condivisa di una diversificazione degli orari di ritiro in funzione delle esigenze delle attività compatibilmente con il decoro del centro storico, assistiamo impotenti al secondo anno consecutivo ad una imposizione di nuovi calendari che non tengono minimamente conto di tale proposta ma anzi, peggiora ulteriormente la situazione in particolare con i maggiori disagi che si creeranno per i contribuenti.

Ed inoltre, come emerso clamorosamente in questi primi giorni del 2018, abbiamo assistito a disguidi causati da una totale assenza di comunicazioni in merito al nuovo calendario, quando sarebbe bastato consegnarne copia in tutti i mastelli con congruo anticipo, magari con un avviso circa le modalità di ritiro dei sacchetti per l’organico.

Assistiamo, quindi, al perdurare della mancanza di comunicazione dei servizi e/o agevolazione degli stessi, nei confronti dei cittadini che ricordiamo, pagando il servizio, hanno diritto ad una adeguata comunicazione dello svolgimento dello stesso, ivi compreso le eventuali variazioni.

Nulla è stato fatto in tal senso né, tantomeno, ci risulti siano stati fatti incontri per trovare soluzioni diverse ad un sistema di raccolta differenziata che non tiene conto minimamente delle esigenze dei contribuenti né, tantomeno, del decoro della città e della fruizione della stessa anche da parte dei visitatori.

 

Orvieto per Tutti

Comments

comments

One Comment

  • Luca

    In merito all’articolo volevo anche segnalare che nelle frazioni per es. Sugano i ritiri dell’ indifferenziata sono stati dimezzati ( un ritiro ogni 2 settimane) ed anche il servizio del ritiro dei pannolini è stato annullato per un mancato accordo con ilComune; perciò chi ha dei bambini piccoli o persone inferme a letto si deve tenere i pannoloni a casa in un contenitore per 2 settimane finché nn passano a raccogliere l’indifferenziata…..una pensata niente male…
    Forse 400 € di immondizia pagate annualmente sono poche????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *