Cambiano i giorni della differenziata e sparisce il ritiro pannoloni, pannolini e traverse. E ora?

Questo articolo è stato letto 587 volte

A far data dal 1° gennaio 2018 è in vigore, nel comune di Orvieto, il nuovo calendario di raccolta porta a porta. E fin qui c’è poco da dire, evidentemente il gestore della raccolta ovvero la COSP Tecno Service avrà i suoi motivi per dover rimodulare passaggi e ritiri. Ci abitueremo, del resto non è la prima volta. Sorvoliamo sulle modalità di comunicazione del nuovo orario alla popolazione, sorvoliamo sul fatto che almeno una settimana di tolleranza poteva essere effettuata cercando di ritirare sia secondo il nuovo che secondo il vecchio calendario (non tutti hanno recepito il cambiamento, non tutti a dire il vero lo sanno proprio che c’è stato un cambiamento), sorvoliamo sul perché di questo cambiamento, sorvoliamo su quasi tutto.

Ciò su cui non si può o non si capisce perché dovremmo sorvolare e accettare passivamente è la fine del ritiro porta a porta dei rifiuti speciali “pannolini, pannoloni e traverse”. Secondo il vecchio calendario chi ne aveva richiesto il ritiro a casa aveva tre passaggi settimanali: lunedi, mercoledì insieme all’indifferenziato, sabato. Alternativa per alcune zone era il contenitore a parte dove potevano essere conferiti i rifiuti di questo tipo. A partire dal 1° gennaio scorso, questo servizio non viene più svolto e questi rifiuti vanno assimilati all’indifferenziato, con un solo ritiro a settimana.

La comunicazione ad esempio al comune di Porano è pubblicata sul sito web del comune:

“Con nota PEC n.8660 del 28.12.2017, il gestore della raccolta rifiuti Cosp Tecno Service ha comunicato al Comune di Porano e, contemporaneamente, agli altri 31 Comuni dell’AURI Sub Ambito n.4, che, a far data dal 01 gennaio 2018, non è più nelle condizioni di garantire i passaggi aggiuntivi per la raccolta di pannolini e pannoloni.
Pertanto, dalla succitata data, i contenitori distribuiti gratuitamente per l’esposizione di pannolini e pannoloni, verranno raccolti nei giorni deputati alla raccolta della frazione indifferenziata.
Tale decisione, che riguarda tutti i Comuni della Provincia di Terni, ha carattere di provvisorietà in attesa che l’Assemblea AURI adotti provvedimenti negli incontri in programma in questo periodo. Eventuali novità saranno prontamente comunicate.”

Agli utenti interessati fin qui dal servizio è stato consegnato un foglio:

Molti utenti sono sconcertati e disorientati. Come si può pensare di ritirare pannoloni, pannolini e traverse una sola volta a settimana?

“Mio padre è malato – riferisce una cittadina orvietana – invalido. Facciamo uso di pannoloni e traverse. Come faccio a tenere in casa al chiuso questi rifiuti? Come faccio a tenerli che ne so sul terrazzo? Ma chi le pensa queste novità ha idea di quanti pannoloni e traverse dobbiamo buttare al giorno? E i bambini? Con i pannolini dei bambini come la mettiamo?”

La questione è innegabilmente incredibile. E siamo in inverno, pensate cosa succederà con i primi caldi.

Ovviamente il numero verde non risponde.

 

 

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *