Consiglio aperto sulla Sanità. Zeno: “solo kermesse e nulla altro”

Questo articolo è stato letto 117 volte

a firma CIRO ZENO SEGRETERIA REGIONALE PCI

Un consiglio comunale aperto quello sulla sanità che ci ha fatto comprendere come le continue denunce dei cittadini su questo delicato tema siano quasi per la totalità eluse ed inascoltate. È palese come ormai questi consigli con la presenza di direttori e assessori regionali sono solo kermesse e null’altro. Risposte non soddisfacenti e non rassicurati l’hanno fatta da padrone. Liste d’attesa lunghissime per moltissime prestazioni , per l’UTIC in cardiologia con medico h24 ancora nulla di fatto, la Stroke unit partita a metà in attesa di potenziamento, per i posti letto in terapia intensiva acquistati ma mai aperti nessuna risposta, SOPI che lavora a singhiozzi a causa di mancanza di personale nessuna risposta, nuove tecnologie ancora non pervenute,medici e infermieri che mancano in diversi reparti così come i primari di oculistica, ginecologia, pronto soccorso,pediatria sono solo alcune questioni che come PCI abbiamo sollevato e per le quali attendiamo ancora risposte concrete. Il dato politico rimangono le scarse risorse economiche che la regione destina al nostro territorio e ciò rende il nostro ospedale, se pur potenzialmente estremamente attrattivo a livello interregionale, una scatola vuota. Per troppo tempo l’ospedale di Orvieto è stato emarginato dalle politiche sanitarie regionali,è giunta l’ora di recuperare il tempo perso. Il sindaco di certo non ha dato una grossa mano concludendo il consiglio comunale affermando che il problema delle liste d’attesa riguarda solo dieci, quindici orvietani, che delusione! Dopo 3 anni di amministrazione ancora non ha compreso quali sono le problematiche della città, e dopo un’affermazione così leggera crediamo proprio che abbia delle serie difficoltà a stare vicino alla sua città.

dav

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *