La Zambelli Orvieto nulla può contro Chieri

Questo articolo è stato letto 61 volte

La Zambelli Orvieto torna a cadere davanti al proprio pubblico e rimedia la quinta sconfitta dell’anno con una prova che per la verità non ha lasciato troppo a desiderare sotto il profilo tecnico.

L’impiego delle solite titolari fornisce sicurezza alle tigri gialloverdi che non difettano in quanto a determinazione e tengono testa alle più quotate avversarie, ma nell’incedere del confronto concedono un po’ troppo spazio e smarriscono la loro convinzione.

Le ospiti della Fenera Chieri sfruttano una difesa difesa che riesce ad aiutare la costruzione del gioco perché possono contrattaccare spesso e volentieri e così trovano sempre la via per incidere.

Alla fine a fare la differenza è stata la maggior efficienza dell’attacco ospite (37% contro 50%), fondamentale che ha sbrogliato il bandolo della matassa in varie occasioni mettendo in evidenza una fase-punto più concreta.

L’avvio della gara è pimpante per le padrone di casa che si fanno valere a muro e provano a comandare le operazioni (10-9). Le strepitose difese di Bresciani consentono di alla potente Angelina (sette volte a segno nel set d’apertura) di infilare la sequenza e rovesciare (11-15). Malgrado la buona ricezione ed i tentativi di recupero il divario cresce con l’attacco ospite che registra buone percentuali (17-24). Entra Ciarrocchi ma la sua battuta è errata ed è vantaggio piemontese.

Si riprende a giocare con i medesimi assetti, le ospiti spingono molto in primo tempo e creano la spaccatura, grazie anche a qualche regalo altrui (5-10). Malgrado le energie profuse da Valpiani e Grigolo (sei colpi vincenti) le distanze si fanno consistenti (14-21). Nel finale ci sono nove palle-set ed il due a zero è inevitabile.

Nella terza frazione c’è Ciarrocchi in campo al posto di Mio Bertolo e l’uscita dai blocchi è sempre molto concentrata (9-9). Qui emerge ancora la maggior lucidità delle chieresi che non hanno sbavature e scavano il solco non perdonando alcuna disattenzione (15-21). L’orgoglio della Zambelli emerge nel finale ma i due muri di Ciarrocchi servono solo a render il gap meno pesante.

L’allenatore delle orvietane Matteo Solforati la vede così: «Il risultato è negativo ma bisogna dare merito alle avversarie di aver commesso pochissimi errori, il nostro demerito è di non averle messe in difficoltà, specie con la battuta; quando è così la partita si complica enormemente». Il tecnico delle chieresi Luca Secchi ha detto: «Siamo una squadra che sa esprimere una buona organizzazione muro-difesa, con palla alta siamo migliorati rispetto alle ultime due prove, tutte le atlete sono state attente e determinate, ci abbiamo lavorato sopra parecchio e sono contento che abbiano recepito alcuni concetti». La concentrazione resta alta al Pala-Papini dove si giocano tre delle prossime quattro sfide di campionato.

fotogallery a cura di Filiberto Mariani

ZAMBELLI ORVIETO – FENERA CHIERI = 0-3

(18-25, 18-25, 21-25)

ORVIETO: Grigolo 12, Aricò 11, Santini 8, Montani 6, Mio Bertolo 4, Valpiani, Rocchi (L1), Ciarrocchi 3, Venturi (L2). N.E. – Ginanneschi, Muzi, Zonta. All. Matteo Solforati e Giuseppe Iannuzzi.

CHIERI: Angelina 16, Akrari 11, Lualdi 11, Manfredini 10, Perinelli 4, De Lellis, Bresciani (L), Rolando. N.E. – Dell’Amico, Colombano, Moretto, Salvi. All. Luca Secchi e Marco Sinibaldi.

Arbitri: Sergio Pecoraro (PA) ed Alberto Dell’Orso (PE).

DESPAR (b.s. 11, v. 2, muri 8, errori 12).

FENERA (b.s. 7, v. 0, muri 7, errori 8).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *