CNA Premio “Cambiamenti”. Tra i vincitori la Too Italy e il Liceo “Majorana” di Orvieto

Questo articolo è stato letto 543 volte

Assegnato un riconoscimento alle tre migliori start up umbre ammesse al contest nazionale “Cambiamenti”

“Quello di oggi vuole essere un riconoscimento al talento e al coraggio delle neo imprese della nostra regione, che in un mondo complesso e in profonda trasformazione hanno voluto scommettere su un’idea”. Con queste parole Renato Cesca, presidente di Cna Umbria, ha concluso la finale territoriale di “Cambiamenti”, il contest ideato nel 2016 dalla Cna nazionale, che anche quest’anno ha messo in palio premi in denaro e servizi per le imprese nate negli ultimi tre anni in Umbria che si sono iscritte alla competizione.

A salire sul podio nell’edizione umbra del premio sono state ben quattro imprese. Al terzo posto, infatti, sono state premiate a pari merito la Lorenzo Scarponi srl e la Weast East Corporation srl. Il secondo posto lo ha conquistato Lispi&Co, mentre prima classificata è stata la Too Italy. Le imprese hanno ottenuto un premio in denaro, messo a disposizione da Unicredit Banca, e un buono in servizi offerto da Cna Umbria.

L’impresa Lorenzo Scarponi srl progetta e produce macchine industriali automatiche on demand, mentre la West East Corporation, con il progetto 100Italy, si occupa di certificare il full made in Italy di prodotti enogastronomici per i mercati internazionali, soprattutto cinesi. La Lispi&Co realizza arredi e complementi in ferro battuto, riprendendo e innovando una tradizione familiare che vanta quattro generazioni di fabbri.

Il primo posto se lo è aggiudicato la Too Italy di Orvieto, che produce borse in pvc industriale riciclato e bonificato e che dalla sua nascita ha già aperto numerosi punti vendita in tutto il Paese e si appresta ad aprirne altri anche all’estero.

La Too Italy sarà anche l’azienda che rappresenterà l’Umbria alla finale nazionale, in programma a Roma il 30 novembre prossimo.

Nel corso della mattinata sono state premiate anche tre scuole superiori della regione (l’Orfini di Foligno, il G.iordano Bruno di Perugia e il Majorana di Orvieto) che nei mesi scorsi hanno partecipato con successo alle competizioni di idee imprenditoriali “A scuola d’impresa” e “Impresa in azione”, lanciate rispettivamente dall’Aur. e dalle Cciaa di Perugia e Terni.

“Ciò che abbiamo visto questa mattina – ha commentato Renato Cesca – è la prova che questa terra continua a produrre idee e imprenditori di valore”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *