Italia Nostra Orvieto: “La discarica de Le Crete deve essere chiusa”

Questo articolo è stato letto 586 volte

Riceviamo e pubblichiamo a firma Italia Nostra Orvieto

Che la sentenza del Consiglio di Stato sul terzo calanco fosse una vittoria di Pirro si sapeva da
tempo, almeno da quando la precedente amministrazione comunale guidata dal Sindaco Concina
l’aveva barattata con la sopraelevazione del secondo calanco, tanto è che la Regione Umbria, che si
è sempre dichiarata contraria al terzo, non ha mai chiuso, con una procedura al limite della
correttezza, la VIA sulla sopraelevazione del secondo calanco, benché il diniego della Direzione
Regionale MiBACT e della Soprintendenza l’avesse chiusa di fatto. Resta un problema di non piccola
portata. L’‘accordo’, se così si può definire, prevedeva la realizzazione di un nono gradone sul
secondo calanco, che avrebbe reso funzionale la discarica di Le Crete fino al 2027: in anticipo di dieci
anni i proprietari della discarica chiedono la realizzazione di un ulteriore gradone: il nono bis,
soltanto per non chiamarlo decimo.

Oggi la Regione Umbria si trova nella impellente necessità di trovare un sito dove smaltire i
rifiuti regionali in seguito alla chiusura di alcune discariche nel perugino e nell’area del Lago
Trasimeno, sia perché piene, sia perché sotto sequestro da parte della Magistratura per indagini in
corso. Così, mentre i Sindaci del perugino e dell’area del Lago Trasimeno minacciano di non pagare
più la tassa regionale sui rifiuti, l’attuale Sindaco di Orvieto, che si definisce ‘ambientalista’, apre
una via di fuga alla Regione, e forse anche al partito egemone, dichiarandosi favorevole alla
sopraelevazione del secondo calanco, sebbene ad alcune condizioni.

Così facendo, il Sindaco Germani calpesta la volontà del Consiglio Comunale, che ha votato e
deliberato, all’unanimità, contro la trasformazione dei calanchi in immondezzaio regionale, votando
anche una variante al PRG che riconduceva quelle aree a zona agricola, assurdamente assegnata a
zona per impianti industriali nei precedenti piani.

La recente sentenza del Consiglio di Stato sul terzo calanco ricorda al Sindaco che sua è la
responsabilità dell’ambiente e della salute dei cittadini.

Chiediamo al Sindaco Germani di comportarsi di conseguenza: si faccia forza di tale sentenza e
del voto unanime espresso dal Consiglio Comunale e dica NO, GRAZIE, all’Assessore Cecchini e alla
Presidente Marini, che vorrebbero scaricare, è proprio il caso di dirlo, tutto il problema umbro dei
rifiuti nei calanchi orvietani.

La discarica de Le Crete deve essere chiusa.

 

 

 

Comments

comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com