Pubblicato il bando di gara per l’affidamento del Teatro Mancinelli

Questo articolo è stato letto 420 volte

Il bando per l’affidamento del Mancinelli è stato pubblicato.  Ora abbiamo tempi e modalità dell’affidamento.  Le offerte dovranno pervenire alla centrale di committenza a Terni entro il 23 ottobre e il 25 verranno aperte le buste eventualmente pervenute.  La gara prevede l’affidamento dello stabile fino al la fine della stagione teatrale del 2021 e prevede l’eventuale proroga per altri 12 mesi.   Insomma è terminata la stagione delle proroghe e si passa all’operatività con l’associazione TeMa che ora avrà poco meno di due settimane per preparare l’intera documentazione e partecipare alla gara.  La base d’asta, a parte l’offerta culturale, riguarda il contributo da parte del Comune, pari a 184 mila euro e i costi per l’affitto delle strutture teatrali in favore del Comune o ad eventi da esso patrocinati.  E’ un mix complicato con tanto di formule ma pensato per favorire sicuramente chi di teatro se ne intende. 

Nel capitolato, infatti, sono ben specificati i punti qualificanti per i partecipanti che devono avere conseguito nel triennio precedente un fatturato complessivo di 1,2 milioni di euro oltre IVA; nello stesso triennio avere eseguito lavori di gestione in teatri e sale concerti con tanto di certificazione e devono essere iscritti alla Camera di Commercio come operatori teatrali.  E’ un capitolato stringente che non permette a tutti di partecipare ma solo a chi ha qualifiche professionali specifiche di alto profilo.  Ovviamente fra queste entità rientra sicuramente TeMa che dopo aver ottenuto la proroga avrà sicuramente tessuto quella rete di rapporti e collaborazioni potenziali richieste proprio nel capitolato di gara.  Il presidente Stefano Paggetti, infatti, proprio durante un’audizione  nella commissione consiliare aveva caldeggiato proprio la proroga per organizzare e capire le reali potenzialità di collaborazione con il territorio, sia dal punto di vista artistico sia da quello economico. 

Ora, quindi, terminata la fase della contrapposizione deve partire quella della ricerca del miglior gestore del Teatro Mancinelli oltre ogni campanilismo e affezione visto che, sempre nel capitolato è stata inserita una stringente clausola di salvaguardia sociale per gli attuali dipendenti della TeMa che l’eventuale vincitore esterno dovrà prioritariamente assumere anche in presenza al proprio interno di figure professionali qualificate.

 

One Comment

  • Cittadino

    Credo che questo bando sia stato fatto solo per confermare “colui che già è stato scelto”.
    Anche perché ci sono piccole realtà che non potendo partecipare per i requisiti sono molto più organizzati e competenti di altre ……..Vediamo che succederà . Sicuramente nulla diverso dalle aspettative……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *