Orvieto per Tutti presenta i dati su arrivi e presenze di turisti, sei mesi in negativo per la città

Questo articolo è stato letto 319 volte

E’ una guerra di cifre per quanto riguarda il turismo. Sono settimane che si rimbalzano numeri per quanto riguarda gli arrivi e le presenze.  Ovviamente l’unico dato vero e certificato è quello della Regione Umbria che fotografa una situazione fortemente negativa per la città.  L’alibi sisma potrà valere sicuramente per i primi mesi del 2017 ma non per i mesi successivi a febbraio.  Il 2017 ha dalla sua dei ponti che hanno favorito la movimentazione turistica ea luglio un evento di grande richiamo come Orvieto4Ever lo scorso 4 luglio.  Nonostante tutto i dati sono lì impietosi a registrare un calo su un 2016 considerato molto positivo fino ad agosto, cioè fino al disastroso e tragico terremoto di Amatrice, per intenderci. 

L’associazione Orvieto per Tutti ha messo insieme i dati degli arrivi e delle presenze e i segni più sono rari e riguardano arrivi di italiani e stranieri e arrivi e presenze degli italiani ad aprile, con la Pasqua e il mini-ponte del 25.  A giugno si sono registrati arrivi in crescita dall’Italia e poi basta.  Anche Orvieto4Ever sembra non aver inciso più di tanto anche se il raffronto non può essere fatto senza avere il dato puntuale giornaliero.  Nel complesso i primi sei mesi del 2017 hanno registrato un forte dato negativo sia per italiani che stranieri ed agosto -8,70% di arrivi e -11,57% di presenze in generale.  Una debaclé che può essere solo parzialmente giustificata dal raffronto con il 2016 considerato un anno eccezionale.  Le iniziative quest’anno non sono mancate a partire dal Fiof, fino al Tango e ad Orvieto4Ever, passando dalla novità delle Ludi alla Fortezza ma niente, nonostante tutto il dato rimane fortemente deficitario riverberandosi in una crisi generale del settore alberghiero tanto che il presidente Giuseppe Santi ha chiesto un incontro con il sindaco per provare ad invertire la rotta. 

Orvieto per Tutti, dal canto suo, da tempo segnala che i dati non sono così positivi come si vuole fare intendere e la Regione Umbria ha confermato i timori da parte degli operatori del settore e dai rumors che continuano ad indicare come molto critica la situazione economica delle attività commerciali nel centro storico di Orvieto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *